Commissioni Ars in diretta streaming, online anche la Sanità

Favorevoli verso contrari, possibilisti contro perplessi. Le dirette streaming dei lavori delle Commissioni parlamentari all’Assemblea Regionale continuano a dividere, nonostante si profili una certa continuità con la scorsa legislatura.

Fino all’era Lombardo, infatti, i lavori delle Commissioni Parlamentari venivano portati avanti a porte rigorosamente chiuse. Poi, insieme alla maggioranza che aveva sostenuto la candidatura di Rosario Crocetta, nel 2012, a Palazzo dei Normanni hanno fatto il loro ingresso i 15 deputati del Movimento Cinque Stelle. E proprio su loro iniziativa, alcune commissioni (la Seconda, la Quarta e – sporadicamente – la Prima) hanno trasmesso i loro lavori in diretta streaming. Un’apertura del Palazzo della politica siciliana all’esterno che è stata accolta bene da associazioni e singoli cittadini interessati a conoscere da vicino i lavori del Parlamento Regionale.

La prassi sembra ormai consolidata e anche in questa legislatura, la Seconda e la Quarta Commissione trasmettono anche in streaming. Una decisione che resta comunque a discrezione del presidente dell’organismo parlamentare.

“Certo – ammette però il presidente della Commissione Bilancio, Riccardo Savona – bisognerà valutare le singole audizioni, per cui capiterà anche che dove all’ordine del giorno ci saranno dati sensibili o casi per i quali si ritenga necessaria una maggiore riservatezza, il canale online potrà non essere attivato”.

Dello stesso avviso Giusy Savarino, che presiede invece la Commissione Ambiente, secondo cui il rischio sarebbe quello della distrazione. “Avviene spesso – sottolinea – che lo streaming faccia sì che gli interventi dei componenti della Commissione sembrino più diretti all’esterno, che non ai lavori parlamentari. Una dilatazione dei tempi che in questo momento non possiamo permetterci, davanti a tutte le emergenze da affrontare. Per questo non escludo che, laddove si ritenga opportuno accelerare, la diretta streaming non sarà trasmessa”. Sulla stessa linea anche la Prima Commissione, dove dallo staff di Stefano Pellegrino fanno sapere che le sedute saranno trasmesse, ma sempre a discrezione del presidente.

Un pensiero, quello che accomuna i presidenti della maggioranza, contro cui si scaglia Giampiero Trizzino (M5S), che nella scorsa legislatura ha presieduto nei primi anni la Quarta Commissione. Secondo il deputato pentastellato, “lo streaming è un segnale di trasparenza, nella scorsa legislatura nessun deputato ha mai “abusato” di questo strumento. Non vedo alcun motivo per il quale debba essere a discrezione del presidente”.

Tra le Commissioni in cui il servizio di streaming non è ancora stato attivato, invece, si dice disponibile alle dirette il presidente della Commissione Attività Produttive, Orazio Ragusa, che precisa: “ne parleremo con i colleghi e in modo democratico decideremo cosa fare. Ritengo che la Terza Commissione sia al servizio delle imprese siciliane e delle persone che operano a diverso titolo per produrre benessere socio economico e quindi saremo contenti di fare conoscere la nostra attività a tutti coloro che ne sono interessati”.

E se non si sa ancora quale sia la posizione di Luca Sammartino, presidente della Quinta Commissione, sulla possibilità di aprire le porte durante le audizioni, Margherita La Rocca Ruvolo, a capo della Sesta racconta di avere già fatto richiesta di autorizzazione al Consiglio di presidenza dell’Assemblea. Insomma, nel giro di qualche giorno i lavori della Commissione Salute per la prima volta si svolgeranno a porte aperte “eccetto in casi comprensibilmente più delicati”.

“Per noi – aggiunge La Rocca Ruvolo – si tratta di una semplificazione del nostro lavoro, accorcia i tempi rispetto al dover poi raccontare all’esterno di cosa si è discusso in Commissione. E poi fa parte del mio modo di intendere la politica, che deve essere aperta e fruibile da tutti”.

Massoneria, il Grande Oriente d’Italia: “Noi non nascondiamo nulla e non distruggiamo gli elenchi”

Dopo la pubblicazione della relazione della Commissione parlamentare Antimafia sugli iscritti alla Libera Muratoria collegati a vario titolo alla mafia, in Calabria e Sicilia, arriva una ulteriore presa di posizione a firma del Gran Maestro Stefano Bisi, con una nota ...
Leggi Tutto

Teatro Libero, aperte le iscrizioni per laboratori dei cast

Aperte le selezioni di attori e attrici per i laboratori dei cast di Teatro Libero. Sono due i laboratori rivolti ad attori e attrici che condurranno alla formazione dei cast del Teatro Libero di Palermo per cui sono state aperte ...
Leggi Tutto

Ponte sullo Stretto, Di Battista: “Berlusconi manda messaggio chiaro alla mafia”

''Berlusconi quando parla di Ponte sullo Stretto sta mandando un messaggio chiaro alla mafia. Qui il problema sono le strade, le ferrovie e le autostrade. La Sicilia l'ho girata la scorsa estate e i problemi sono altri''. Lo ha detto a Messina, ...
Leggi Tutto
Roberto Lagalla

Formazione, Assessorato firma protocollo per la legalità. Lagalla: “Opportunità educativa”

È stato stipulato un protocollo d’intesa tra l’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale e il “Pool antiviolenza e per la legalità dell’Inner Wheel Palermo Normanna”, ONG inserita nell’ECOSOC ROSTER, che esprime quattro rappresentanti all’ONU. L’obiettivo è quello di cooperare per la promozione ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest