Catania-Ragusa, il pessimismo di Falcone: “Pietra tombale sul progetto”

Rallentamenti? Un eufemismo. Hanno bloccato l’approvazione dell’opera“. Lo stallo del progetto per il raddoppio della Ragusa-Catania, con l’allarme lanciato in questi giorni dal comitato ibleo per la realizzazione dell’opera, è ritornato d’attualità. L’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone individua responsabilità per lo stop e fa nomi e cognomi: “Il Comitato ha raccolto il grido d’allarme che avevamo lanciato io e il presidente Musumeci. Da un anno il progetto era sul tavolo del Ministero Infrastrutture e trasporti per ricevere il parere dello stesso ministero e del Mef, per poi essere trasmessa per l’approvazione al Cipe. E invece, proprio quando è arrivata sul tavolo interministeriale, è intervenuta la vicepresidente ragioniere generale dello Stato, Alessandra Del Verme, che ha stabilito che l’opera doveva essere trasmessa al Consiglio superiore dei lavori pubblici e poi di nuovo al Mef per l’approvazione, cosa che ritengo non corretta, perché parliamo soltanto in parte di fondi pubblici, mentre per un altra fetta si tratta di fondi privati. Soltanto dopo potrà essere trasmessa al Cipe”.

I rallentamenti, però, secondo Falcone, potrebbero non limitarsi a questi passaggi. Le preoccupazione del componente della giunta Musumeci è che ve ne possa essere uno ulteriore: “Se il Consiglio superiore dei lavori pubblici lo ritenesse opportuno – dice l’assessore alle Infrastrutture – potrebbe trasmetterla alla Commissione nazionale per la Valutazione di impatto ambientale. In questo modo passerebbero almeno altri sei mesi, se non un anno”. E qui Falcone utilizza una metafora che rende l’idea: “Hanno fatto un gioco dell’oca: quando tutto sembrava realizzabile in tempi certi si è ritornati indietro. Questo significa da una parte, disattenzione nei confronti dei problemi della Sicilia. Dall’altra, emerge che c’è uno stato confusionale: giovedì scorso il ministro Delrio a Napoli diceva che ci sarebbe stato l’ok per la Catania Ragusa e invece, contemporaneamente, la dottoressa Del Verme mette una pietra tombale sul progetto“.

Una lettera con minacce di morte è stata inviata ad Antonio Rubino dei Partigiani Pd: "I fiori li metteranno sulla tua cassa da morto

Pd Sicilia, Rubino: “Sbaglia chi lascia, vera resistenza è rimanere senza piegarsi”

"I Partigiani del PD non sono un'area né una corrente, sono un sentimento. In queste settimane ci hanno detto di tutto, ci hanno chiesto 'chi c'è dietro di noi': la risposta è che dietro di noi c'è il PD, la ...
Leggi Tutto
Premio Mario Petrina, Sabrina Redi e Totò Antibo

Antibo vince ancora: a Sabrina Redi il premio Petrina per il suo articolo sul mezzofondista siciliano

È Sabrina Redi la vincitrice della prima edizione del premio Mario Petrina, dedicato ai giovani appassionati di giornalismo sportivo di età compresa tra i 18 e i 30 anni, non ancora iscritti all’Albo professionale. “Corri Totò, fallo ancora nonostante tutto” ...
Leggi Tutto
A Palermo, "La voglia, la pazzia" workshop in canto italiano sulle note brasiliane all'Open Jazz con i maestri del progetto musicale "Brasil Fala Italiano"

“La voglia, la pazzia” workshop in canto italiano sulle note brasiliane all’Open Jazz

La voglia, la pazzia, un workshop culturale, creativo, storico, non un semplice laboratorio ma un modo emozionante di ritrovarsi e ascoltarsi attraverso un ponte che collega tutta la musica al jazz. È la musica brasiliana, l'arte dell'incontro e del ritmo che ...
Leggi Tutto
Dall'estero in Sicilia per amore: matrimonio sicilian style con l’evento Buy Wedding International questo weekend al Grand Hotel et Des Palmes

Matrimonio sicilian style, dall’estero in Sicilia per amore: la storia di Bram e Simone

Sono circa 60 mila le coppie di stranieri che scelgono l’Italia per celebrare il loro matrimonio, con un giro di affari che ruota attorno ai 386 milioni di euro. È questo uno dei motivi principali per cui Palermo dedica tre ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest