Camper della Polizia in piazza Verdi a San Valentino per la campagna “… Questo non è amore”

Se ti ricatta… non è amore. Se minaccia te o i tuoi figli… non è amore. Se ti isola, umilia, offende…non è amore. Se ti perseguita con mail e sms ossessivi… non è amore. Se ti prende con violenza quando non vuoi… non è amore. Se ti chiede “l’ultimo appuntamento”… non è amore. Se ti uccide… non è amore.

Nel giorno di San Valentino, in cui tutto il mondo celebra l’amore, la Polizia di Stato sceglie di stare vicino alle donne con la campagna “…questo non è amore” che prevede la presenza di un camper in piazza Verdi per aiutare le vittime di violenza di genere a rompere l’isolamento e il dolore, offrendo il supporto di un’equipe multidisciplinare composta da operatori specializzati della Polizia e da rappresentanti dei centri antiviolenza locali.

Un’idea, quella del progetto CAMPER contro la violenza di genere che, partito a luglio del 2016, in poco meno di due anni ha consentito di contattare migliaia di persone, in maggioranza donne, diffondendo informazioni sugli strumenti di tutela e di intervenire su situazioni di violenza e stalking che diversamente sarebbero potute rimanere ingabbiate nel dolore domestico.

La flessione negli ultimi due anni dei delitti tipici (dai femminicidi, alle violenze sessuali, dai maltrattamenti in famiglia agli atti persecutori) non ferma l’impegno di prevenzione: non solo perché il numero assoluto delle vittime continua ad essere inaccettabile, ma perché l’esperienza di polizia e delle associazioni da tanti anni impegnate su questi temi mostra l’esistenza di un sommerso che troppo spesso non si traduce in denuncia. Un quotidiano fatto di attenzioni morbose, di comportamenti aggressivi e intimidatori che vengono letti come espressione di un amore appassionato e di una gelosia innocua, anche da madri, sorelle e amiche, ma che costituiscono spesso il triste copione di un crescendo di violenza che si alimenta con l’isolamento.

Oltre alla tutela offerta dalla legge, che va dagli strumenti dell’Ammonimento al Divieto di Avvicinamento, fino agli Arresti Domiciliari o al carcere per i casi più gravi, la battaglia più importante si gioca sul campo della prevenzione in cui la Polizia di Stato è fortemente impegnata, non solo nel contribuire attraverso l’informazione al superamento di una mentalità di sopraffazione, ma a fare da sentinella per intercettare prima possibile comportamenti violenti e intimidatori.

In questa prospettiva si muove l’adozione dall’inizio dell’anno scorso del protocollo E.V.A. (Esame delle Violenze Agite) da parte di tutte le Questure d’Italia. Procedura che consente agli equipaggi di Polizia, chiamati dalle sale operative ad intervenire su casi di violenza domestica, di sapere se ci siano stati altri episodi in passato nello stesso ambito familiare. Tutto questo attraverso una procedura che prevede la compilazione di checklist che, anche in assenza di formali denunce, spesso impedite dalla paura di ancor più gravi ritorsioni, consentono di tracciare situazioni di disagio con l’obiettivo di tenerle costantemente sotto controllo e procedere all’arresto nei casi di violenza reiterate.

Nel giorno di San Valentino il camper sarà presente in molte città d’Italia.

Una lettera con minacce di morte è stata inviata ad Antonio Rubino dei Partigiani Pd: "I fiori li metteranno sulla tua cassa da morto

Pd Sicilia, Rubino: “Sbaglia chi lascia, vera resistenza è rimanere senza piegarsi”

"I Partigiani del PD non sono un'area né una corrente, sono un sentimento. In queste settimane ci hanno detto di tutto, ci hanno chiesto 'chi c'è dietro di noi': la risposta è che dietro di noi c'è il PD, la ...
Leggi Tutto
Premio Mario Petrina, Sabrina Redi e Totò Antibo

Antibo vince ancora: a Sabrina Redi il premio Petrina per il suo articolo sul mezzofondista siciliano

È Sabrina Redi la vincitrice della prima edizione del premio Mario Petrina, dedicato ai giovani appassionati di giornalismo sportivo di età compresa tra i 18 e i 30 anni, non ancora iscritti all’Albo professionale. “Corri Totò, fallo ancora nonostante tutto” ...
Leggi Tutto
A Palermo, "La voglia, la pazzia" workshop in canto italiano sulle note brasiliane all'Open Jazz con i maestri del progetto musicale "Brasil Fala Italiano"

“La voglia, la pazzia” workshop in canto italiano sulle note brasiliane all’Open Jazz

La voglia, la pazzia, un workshop culturale, creativo, storico, non un semplice laboratorio ma un modo emozionante di ritrovarsi e ascoltarsi attraverso un ponte che collega tutta la musica al jazz. È la musica brasiliana, l'arte dell'incontro e del ritmo che ...
Leggi Tutto
Dall'estero in Sicilia per amore: matrimonio sicilian style con l’evento Buy Wedding International questo weekend al Grand Hotel et Des Palmes

Matrimonio sicilian style, dall’estero in Sicilia per amore: la storia di Bram e Simone

Sono circa 60 mila le coppie di stranieri che scelgono l’Italia per celebrare il loro matrimonio, con un giro di affari che ruota attorno ai 386 milioni di euro. È questo uno dei motivi principali per cui Palermo dedica tre ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest