Migranti tentano di entrare in Italia illegalmente a bordo di una nave proveniente dalla Tunisia

La polizia ha bloccato a bordo della nave di linea da Tunisi a Palermo, la “Cruise Bonaria”, tre migranti che cercavano di entrare illegalmente in Italia. Gli uomini si erano nascosti sotto un telone di un semirimorchio. Si tratta di due tunisini di 18 e 20 anni, risultati irregolari, e di un trentatreenne che deve scontare una pena di 6 mesi e 18 giorni, in seguito ad un provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Torino. Per questo è stato poi portato in carcere.

Gli altri due uomini saranno rimpatriati. Nella stessa nave era stata arrestata una donna italiana che aveva nascosto nella propria auto un tunisino che si era celato sotto una coperta.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto