Medici di famiglia, 2022 sarà l’anno nero. “Rischiamo di importare medici dall’estero”

Prevenire, diceva uno slogan di qualche decennio fa, è meglio che curare. Anche perché, ad occuparsi delle cure dei pazienti, potrebbero rimanere davvero in pochi. L’allarme, qualche giorno fa, era stato lanciato a livello nazionale: nel prossimo quinquennio sarà allarme per i pensionamenti dei medici di famiglia. “In realtà – ammette Toti Amato, presidente dell’Ordine dei medici di Palermo – i dati diffusi non riguardano i prossimi cinque anni, ma il decennio di programmazione. In ogni caso la situazione è critica”.

“L’anno nero – ammette ancora Amato – sarà il 2022, quando sono previsti tremila pensionamenti tra Sicilia, Lombardia, Lazio e Campania. Basti considerare che in media queste quattro regioni formano 100 medici l’anno per capire quanto il rischio sia alto“. La soluzione, secondo Amato, andrebbe individuata in una programmazione più attenta, in modo da incentivare le nuove leve a formarsi laddove la richiesta di risorse umane è maggiore. “O ci si pensa ora – aggiunge – oppure il rischio è che domani dovremo importare medici dal resto d’Europa“.

Ammesso che in Sicilia abbiano voglia di venirci. Emblematico il caso delle Madonie, rimaste senza pediatra dopo la rinuncia del medico di base che lì aveva preso servizio. “Sicuramente – ammette Amato – serve una forma di incentivo per chi è chiamato a lavorare nelle aree più disagiate. E penso alle aree montane, così come a chi vive in una condizione di insularità. Non si può chiedere a un professionista di trasferirsi per poi avere in carico 100 o 200 pazienti, quando per arrivare a una retribuzione consona ne servirebbero in media 800. In questo senso, come in altri, l’interlocuzione con l’assessore Razza è già partita e sembra che i presupposti siano buoni. Il punto resta sempre lo stesso, bisogna potenziare, a tutti i livelli, la medicina del territorio”.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto