La munnizza a Palermo: Grasso che cola

Piero Grasso fa la parte del leone nella sua città, Palermo, inaugurando il comitato elettorale laddove è anche candidato capolista nel collegio plurinominale per il Senato. Parla del progetto di Liberi e Uguali, di come sia il “vero rimedio per cambiare rotta”. Gli altri hanno fallito – è il senso del suo discorso – noi possiamo cambiare le cose.

Parole di circostanza, ma lui le mette insieme una dopo l’altra, tassellino dopo tassellino, con convinzione. Eppure quel retrogusto si sente nell’aria. E basta una domanda dei cronisti, per farlo partire per la tangente. “Abbiamo quest’anno Palermo capitale della cultura, e i rifiuti per le strade?”. Eccola lì, la stoccata all’amico di sempre e nemico dell’ultima ora, Leoluca Orlando.

Un filo conduttore, quello che lega l’amicizia tra Grasso e Orlando, che riporta alla stagione stragista di Palermo, a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, all’esperienza della Rete capitanata da Orlando e all’attività in magistratura di Grasso. Poi la svolta politica del presidente del Senato. E quella pazza idea, la scorsa estate, di vederlo candidato alla presidenza della Regione.

In cabina di regia c’era proprio Leoluca Orlando. Un Valzer tra Pd, Sinistra Italiana, Mdp, Orlando e Grasso, durato per mesi. Mi candido, forse sì, ma anche no. E il segretario regionale dei dem, Fausto Raciti, lì a prendere tempo, mentre Nello Musumeci guadagnava terreno e consensi. Poi il niet, consegnato da Grasso proprio nelle mani di Orlando. Un “favore” non indifferente all’amico Orlando, che si è ritrovato con il coltello dalla parte del manico in un momento delicatissimo.

Da lì è stata la teoria del piano inclinato. La candidatura di Fabrizio Micari, il Pd ridotto in frantumi, l’addio di Grasso sul voto per il Rosatellum, l’avvio del percorso di Liberi e Uguali e quella sensazione che tutto fosse stato già scritto mesi prima. Da lì, tra i due è stata rottura, ufficializzata poi con la scelta di Orlando di aderire al partito democratico. Soltanto l’ultima delle vicendevoli sberle tra i due ex amici.

Così oggi Piero Grasso torna a Palermo. Non più da magistrato. E neanche da presidente del Senato. Ma da leader di un partito che gli ultimi sondaggi non vedono particolarmente in salute. E, come da copione, eccola lì, la nuova stilettata: Palermo sarà anche Capitale della cultura, ma la città è invasa dalla munnizza. Grasso che cola, insomma, per il leader di Liberi e Uguali.

Come fratelli: dramma teatrale di mafia, amicizia e scelte

Nuove date per Come fratelli, il dramma in atto unico che andrà in scena il 19 luglio a Villa Filippina, a Palermo inizio spettacolo 21.30, e il 12 Agosto a Cinisi, alla Tonnara dell'orsa. Il testo, scritto da Giovanni Libeccio, vede ...
Leggi Tutto
Vucciria, La "Santa Morte" sfregiata

Sfregiato il murales “La Santa Morte” alla Vucciria

Atto vandalico a piazza Garraffello, in pieno centro storico a Palermo. È stato sfregiato il murales “La Santa Morte”, opera firmata da Igor Scalisi Palminteri, dipinta nel maggio scorso sullo spazio che si affaccia sulla celebre piazza della Vucciria. Nelle ...
Leggi Tutto

Rai Sicilia, Rino Cascio nuovo caporedattore. Gli auguri di Orlando

La Rai siciliana ha un nuovo caporedattore, è il giornalista Rino Cascio. Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando e il presidente del Consiglio comunale Salvatore Orlando fanno gli auguri al neo caporedattore: "Un incarico importante - dichiarano -, carico di ...
Leggi Tutto

Palermo, è morta la giornalista Laura Nobile

È morta oggi, a 47 anni, dopo una lunga malattia, Laura Nobile, collaboratrice de La Repubblica per la quale ha seguito per anni gli appuntamenti culturali. "Siamo affettuosamente vicini alla famiglia e ai colleghi di Laura Nobile, una professionista che ...
Leggi Tutto