La munnizza a Palermo: Grasso che cola

Piero Grasso fa la parte del leone nella sua città, Palermo, inaugurando il comitato elettorale laddove è anche candidato capolista nel collegio plurinominale per il Senato. Parla del progetto di Liberi e Uguali, di come sia il “vero rimedio per cambiare rotta”. Gli altri hanno fallito – è il senso del suo discorso – noi possiamo cambiare le cose.

Parole di circostanza, ma lui le mette insieme una dopo l’altra, tassellino dopo tassellino, con convinzione. Eppure quel retrogusto si sente nell’aria. E basta una domanda dei cronisti, per farlo partire per la tangente. “Abbiamo quest’anno Palermo capitale della cultura, e i rifiuti per le strade?”. Eccola lì, la stoccata all’amico di sempre e nemico dell’ultima ora, Leoluca Orlando.

Un filo conduttore, quello che lega l’amicizia tra Grasso e Orlando, che riporta alla stagione stragista di Palermo, a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, all’esperienza della Rete capitanata da Orlando e all’attività in magistratura di Grasso. Poi la svolta politica del presidente del Senato. E quella pazza idea, la scorsa estate, di vederlo candidato alla presidenza della Regione.

In cabina di regia c’era proprio Leoluca Orlando. Un Valzer tra Pd, Sinistra Italiana, Mdp, Orlando e Grasso, durato per mesi. Mi candido, forse sì, ma anche no. E il segretario regionale dei dem, Fausto Raciti, lì a prendere tempo, mentre Nello Musumeci guadagnava terreno e consensi. Poi il niet, consegnato da Grasso proprio nelle mani di Orlando. Un “favore” non indifferente all’amico Orlando, che si è ritrovato con il coltello dalla parte del manico in un momento delicatissimo.

Da lì è stata la teoria del piano inclinato. La candidatura di Fabrizio Micari, il Pd ridotto in frantumi, l’addio di Grasso sul voto per il Rosatellum, l’avvio del percorso di Liberi e Uguali e quella sensazione che tutto fosse stato già scritto mesi prima. Da lì, tra i due è stata rottura, ufficializzata poi con la scelta di Orlando di aderire al partito democratico. Soltanto l’ultima delle vicendevoli sberle tra i due ex amici.

Così oggi Piero Grasso torna a Palermo. Non più da magistrato. E neanche da presidente del Senato. Ma da leader di un partito che gli ultimi sondaggi non vedono particolarmente in salute. E, come da copione, eccola lì, la nuova stilettata: Palermo sarà anche Capitale della cultura, ma la città è invasa dalla munnizza. Grasso che cola, insomma, per il leader di Liberi e Uguali.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto