Carenza medici: in 45.000 andranno in pensione entro 5 anni. La Sicilia tra le regioni più a rischio

La Federazione medici di medicina generale (Fimmg) e il sindacato dei medici dirigenti Anaao, lanciano l’allarme: entro 5 anni andranno in pensione circa 45 mila medici in tutta Italia che, però, non saranno bilanciate dalle nuove assunzioni. I pensionamenti riguarderanno sia i medici di famiglia che quelli del Servizio sanitario nazionale.

Un dato che diventa ancora più preoccupante se riferito ai prossimi 10 anni: da ora al 2028 saranno andati in pensione 80.678 camici bianchi, 33.392 medici di base e 47.284 medici ospedalieri.

Intanto per i medici di base le borse per il corso di formazione in medicina generale messe a disposizione sono circa 1.100 all’anno: un numero che, se rimarrà costante, produrrà nel 2028 circa 11.000 medici, pari a un terzo del fabbisogno effettivo.

Più complicato trovar il dato effettivo per i medici del Servizio sanitario nazionale, perché non si sa quando saranno banditi i concorsi da parte delle regioni e per quali numeri. Inoltre in molte regioni è ancora in atto il blocco del turn-over parziale o totale.

Secondo i dati raccolti da Fimmg e Anaao, l’anno che registrerà il picco di pensionamenti per i medici di famiglia sarà il 2022, con la fine del lavoro per 3.902 medici di base. Le regioni che registreranno le maggiori sofferenze sia nel breve che nel lungo periodo sono Sicilia, Lombardia, Campania e Lazio.

Per il il vice segretario nazionale Anaao Carlo Palermo “l’attuale sistema delle scuole di specializzazione in medicina non garantirà un numero sufficiente di specialisti per il prossimo futuro: oggi, infatti, i posti resi disponibili per le scuole di specializzazione sono complessivamente circa 6.500 l’anno, ma secondo le nostre stime ne sarebbero necessari almeno 8.500. A mancare nelle corsie saranno a soprattutto pediatri, chirurghi, ginecologi e cardiologi”.

Il segretario nazionale della Fimmg, Silvestro Scotti, ha ribadito la preoccupazione per la carenza medici: “Di questo passo tra 5 anni 14 milioni di italiani saranno senza medico di famiglia. Appare ridicolo che nessuna forza politica si stia impegnando sul tema dell’assistenza territoriale in campagna elettorale”.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto