Trapani, nuovo intervento di Peppe Bologna su Birgi

Il candidato sindaco di Trapani, Peppe Bologna, assieme al senatore Maurizio Santangelo, ha incontrato ieri mattina una rappresentanza di Federalberghi, guidata da Alessandro Franzone; presenti inoltre Giuseppe Mazzonello ed Ignazio Grimaldi. Al centro dell’incontro: la situazione dell’aeroporto Birgi dopo il recente accoglimento da parte del Tar di Palermo del ricorso presentato da Alitalia per l’aggiudicazione a Ryanair del bando di co-marketing emanato da Airgest.

Nel corso del dibattito è emersa l’obiettiva difficoltà a salvare l’imminente stagione turistica. Bologna ha sottolineato alcuni aspetti che andrebbero portati avanti nell’immediato. “Il Commissario straordinario del Comune di Trapani, che ha posto il suo diniego alla sottoscrizione del contratto di co-marketing ritenendolo illegittimo – ha dichiarato Bologna -, dovrebbe agire di conseguenza depositando in Procura il documento in cui esplicita le sue motivazioni. Questa vicenda non riguarda soltanto Birgi ma – ha sottolineato – tutto il territorio nazionale, e quindi quei Comuni o Enti che hanno avuto rapporti diretti o indiretti con Ryanair”.

Per il candidato sindaco di Trapani inoltre “bisogna avviare un’azione di responsabilità civile, e forse penale, nei confronti del management Airgest che ha sbagliato a redigere quel bando che sta procurando, e procurerà, danni non indifferenti”. “Nel concreto – ha continuato – l’unica via per tentare di salvare la stagione potrebbe essere quella di sensibilizzare Gubitosi, commissario di Alitalia, a valutare la opportunità di recedere dal ricorso presentato dalla stessa compagnia di bandiera. Altra soluzione ancora potrebbe essere quella di accelerare i tempi di incorporazione delle quote Birgi con Gesap”.

Intanto Peppe Bologna ha avviato una serie di contatti con le varie forze politiche. Oggi, sempre in tema di aeroporto, assieme ai rappresentanti di Federalberghi , incontrerà l’onorevole Baldo Gucciardi, la senatrice Orrù e l’onorevole Ruggirello; venerdì mattina è previsto invece un incontro con il presidente della Commissione Affari istituzionali dell’Ars, Stefano Pellegrino, a cui dovrebbe partecipare anche il presidente dell’Enac Vito Riggio.

L’incontro con Gubitosi potrebbe invece avvenire lunedì prossimo. “Non sono ottimista – ha aggiunto Bologna – e confido, per un verso, nella presenza attiva dell’onorevole Turano, oltre che nell’incontro con Gubitosi, di cui però, al momento, non vi è alcuna certezza. Pensando al futuro – ha concluso – sarebbe necessario predisporre un bando di gara che coinvolga il “sistema Sicilia”: Trapani, Palermo, Comiso e Catania, perché il sistema di co-marketing, così come è stato fatto, non funziona”.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto