Crocetta: “Quel compleanno di nove anni fa e la mia vita nuova”

“Era l’8 febbraio del 2009. Sono passati nove anni. Venni chiamato dal procuratore Marino, a Caltanissetta – gli sarò sempre grato per questo, anche se le nostre strade dopo si sono divise”. A scrivere è Rosario Crocetta, che affida a un post sui social network il ricordo del suo compleanno di nove anni fa, quando gli venne comunicato che sulla sua testa la mafia aveva espresso una sentenza di morte. “Il pm – racconta – mi disse che le forze dell’ordine avevano scoperto che era stata decretata una condanna morte da parte del capo mafia di Gela, Daniele Emmanuello. Condanna, come riferì un pentito di mafia, che è ancora valida, poiché il boss che l’aveva emessa era morto. Solo chi ha emesso la condanna la può revocare, una sorta di fatuah medievale che continua a resistere nei tempi moderni”.

L’ex primo inquilino di Palazzo d’Orleans racconta però la risposta che subito arrivò dai giovani siciliani. “La procura mi consigliò di non fare alcuna iniziativa pubblica per qualche periodo. Quel giorno, avevo in programma di fare insieme al segretario del Pdci, Oliviero Diliberto, un comizio in piazza università a Catania. Decisi di fare quel comizio lo stesso, anche se rischiavo la vita. Alla fine mi fecero indossare un giubbotto antiproiettile ed io parlai in una piazza Università straordinariamente piena, a tanti catanesi e tanti siciliani che erano venuti da tutta la regione. Ricordo ancora la sofferenza nel dover parlare indossando quel giubbotto di metallo che mi stringeva i polmoni e mi soffocava la gola”.

“Ma alla fine ero felice – ammette ancora -. Felice per non avere ceduto alle minacce e di avere affermato il mio diritto alla dignità. Felice di non avere piegato la testa. Felice per quella tanta gente perbene che, sfidando la mafia ed il pericolo era venuta a manifestarmi solidarietà. Alla fine del comizio, un gruppo di giovani catanesi mi invitarono presso la sede della loro associazione (mi piacerebbe rincontrarli) tagliarono una torta con su scritto “siamo tutti Rosario“. Da quel giorno mi sono sentito solo siciliano e catanese, poiché avevo avuto la prova evidente della grandezza di noi siciliani. Avevo avuto la prova di quanta gente onesta e perbene c’è in Sicilia”. 

Eccolo lì, però, il rovescio della medaglia. “Oggi, a nove anni di distanza, ferito, ma non ucciso, ho consapevolezza che siamo in una fase diversa, una fase in cui bisogna resistere, resistere, resistere. Resistere contro il revisionismo Antimafia che porta a riciclare nelle liste soggetti che andrebbero tenuti lontani dalla vita pubblica”.

“Molti di noi sono abbattuti – aggiunge -, pensano che tutto sia perduto, che tutto sia diventato regime e che non ci sia più speranza. “Scarpe rotte eppur bisogna andar“! Io voglio ripartire da quelle candeline che quei ragazzi di Catania accesero per il mio compleanno di nove anni fa. Come nove anni fa, pronto a battermi per la Sicilia, per la giustizia, per la verità, contro ogni tentativo di ritorno indietro, di ritornare a quel passato dominato da prepotenti che hanno distrutto e continuano a distruggere la Sicilia. Sento che abbiamo tempo, in fondo ho nove anni, nove anni rubati alla morte, nove anni per ricominciare, come sempre! Guai alla rassegnazione, guai a cedere, non ci si piega ai prepotenti e non si toglie la po’ coppola di fronte ai padrini: “Schifiamo le mani a vossia”! In fondo, quando si ha nove anni, si può pensare di avere tanto tempo per battersi per e continuare a sognare“.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto