Infanzia, riaperto il nido Santangelo

Gli assessori alla Scuola e alla Rigenerazione Urbanistica, Giovanna Marano ed Emilio Arcuri, hanno presenziato questa mattina alla cerimonia di riapertura dell’asilo nido comunale di via Ignazio Silvestri.  Alla cerimonia ha preso parte anche la mamma del piccolo Giovanni Santangelo, ex alunno residente nel quartiere in cui è ubicato l’asilo, scomparso prematuramente nel 1996 all’età di cinque anni, e a cui l’asilo è intitolato.

L’asilo Santangelo accoglierà bambine e bambini dai zero ai tre anni per un totale di 35 utenti. Attualmente ospita i bambini del nido Papavero, anch’esso chiuso, nelle more della conclusione dei lavori di ristrutturazione.  Le iscrizioni per l’anno scolastico 2018/2019, concluse il 31/12/18, sono state effettuate sia per il nido “Papavero”, sia per l’asilo “Giovanni Santangelo”, quest’ultimo come nido aziendale.

“L’Amministrazione – ha dichiarato l’assessore Marano – restituisce al territorio un asilo nido che ha una storia densa di significato perché dedicato al piccolo Giovanni. Gli interventi di riqualificazione e ripristino hanno consegnato alla città, alle piccole, ai piccoli e alle loro famiglie una struttura più confortevole e accogliente. Standards strutturali elevati, insieme alla alta professionalità del personale educativo coinvolto – ha concluso l’assessore – garantiranno un percorso educativo d’avanguardia al territorio”.

“L’edificio – ha evidenziato l’assessore Arcuri – è stato oggetto di ‘Lavori di manutenzione volti alla rifunzionalizzazione, all’adeguamento alle norme igienico sanitarie, agli impianti elettrici e antincendio degli asili nido Aquilone, Morvillo e Papavero, Santangelo, Topolino e Pellicano – Accordo Quadro’, redatto e condotto dai tecnici comunali dell’Ufficio Edilizia scolastica, dopo la chiusura all’utenza dell’edificio per motivi strutturali nel 2013 e le numerose occupazioni abusive. Gli interventi negli asili nido oggetto dell’appalto – ha concluso l’assessore – si completeranno a breve con la restituzione alla cittadinanza anche degli asili Papavero e Pellicano”.