Ho bisogno di Sanremo per ricordarmi di essere italiana

Il Festival dei dentisti e della chirurgia estetica italiana. Orchestra dal look che fa invidia ai più ostinati hairstylers per capelli assolutamente trash… scope, banane, onde e boccoli e poi quel grigio argenteo che illumina, con riflessi galattici, il volto basìto e inespressivo del passerotto.

Non abbiamo più quella sua maglietta fina ma un generosissimo seno di rara fattura che la biondosvizzera presentatrice espone con compostissima audacia. Il suo smagliante sorriso è ben più potente e spacca il video.

Qualche momento di commozione nascosta per un’inedita canzone di Lucio Dalla imitato con grande cura da un vecchio Ron. Applausi e un pubblico da telefonino in mano, che ascolta distratto e senza pathos i primi brani.

Vessicchio c’è e resterà fino all’ultima puntata. Favino riscalda i motori. Resteremo svegli ad oltranza dopo che abbiamo sentito cantare da Morandi i grandi successi storici di Baglioni con le parole dei grandi successi di Morandi. Che confusione, sarà perché ti amo?!

Dopo vent’anni di astinenza, quest’anno mi sono convinta che ho bisogno di Sanremo per ricordare di essere italiana praticante. Sarà uno di quei Festival che dimenticheremo prima della sua fine. Compreso Fiorello che non ha scordato la sua storica natura di capovillaggio.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto