Associazioni antimafia, ok Ars a maggiori risorse, ora serve via libera del governo

Le associazioni insorgono, l’Assemblea risponde, nei limiti delle proprie competenze. È stata approvata questa mattina in Assemblea Regionale una risoluzione che impegna il governo regionale a riformulare le modalità di ripartizione dei fondi a partire già dal 2018, ad aumentare le somme per le loro attività e a posticipare al 30 giugno la scadenza per la rendicontazione.

Ieri una rappresentanza di associazioni che un tempo attingevano ai contributi della ex Tabella H era intervenuta in audizione in commissione Cultura all’Assemblea, lamentando i tagli consistenti ai contributi (in alcuni casi è stato erogato soltanto il 20 per cento), ma chiedendo anche di rivedere i criteri di attribuzione dei fondi, tenendo conto anche dell’attività storica svolta da alcune associazioni, come il centro studi Pio La Torre, l’Arci Sicilia, l’Istituto Gramsci o le fondazioni Chinnici, Mandralisca, Costa.

Oggi l’approvazione della risoluzione nell’organismo parlamentare. Un atto formale, ma non sostanziale, dal momento in cui impegna il governo a provvedere, nel tentativo di aggiustare il tiro. Secondo il presidente della Commissione Cultura all’Assemblea, Luca Sammartino, sono stati “mantenuti gli impegni: abbiamo ascoltato i rappresentanti delle associazioni e dei centri culturali e antimafia, abbiamo raccolto le loro proposte e le loro richieste, che sono state inserite in una risoluzione approvata oggi. Adesso tocca al governo dare seguito a questo percorso”.

“Si tratta di associazioni, centri e fondazioni che da anni svolgono un ruolo importante nella promozione e conservazione del nostro patrimonio culturale e nell’analisi e conoscenza del fenomeno mafioso – aggiunge Sammartino – è giusto creare le condizioni per una programmazione pluriennale e, allo stesso tempo, monitorare e sostenere le iniziative di maggiore prestigio e rilevanza”.

Secondo il capogruppo dem, Giuseppe Lupo, si tratta di un primo passo “per potere garantire il proseguimento delle loro attività ed a prorogare al prossimo 30 giugno il termine per la rendicontazione delle attività svolte”. Ma anche Lupo precisa: “Ci aspettiamo che adesso il governo faccia la propria parte per dare seguito a quanto chiesto dalla commissione”.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto