Associazioni antimafia, ok Ars a maggiori risorse, ora serve via libera del governo

Le associazioni insorgono, l’Assemblea risponde, nei limiti delle proprie competenze. È stata approvata questa mattina in Assemblea Regionale una risoluzione che impegna il governo regionale a riformulare le modalità di ripartizione dei fondi a partire già dal 2018, ad aumentare le somme per le loro attività e a posticipare al 30 giugno la scadenza per la rendicontazione.

Ieri una rappresentanza di associazioni che un tempo attingevano ai contributi della ex Tabella H era intervenuta in audizione in commissione Cultura all’Assemblea, lamentando i tagli consistenti ai contributi (in alcuni casi è stato erogato soltanto il 20 per cento), ma chiedendo anche di rivedere i criteri di attribuzione dei fondi, tenendo conto anche dell’attività storica svolta da alcune associazioni, come il centro studi Pio La Torre, l’Arci Sicilia, l’Istituto Gramsci o le fondazioni Chinnici, Mandralisca, Costa.

Oggi l’approvazione della risoluzione nell’organismo parlamentare. Un atto formale, ma non sostanziale, dal momento in cui impegna il governo a provvedere, nel tentativo di aggiustare il tiro. Secondo il presidente della Commissione Cultura all’Assemblea, Luca Sammartino, sono stati “mantenuti gli impegni: abbiamo ascoltato i rappresentanti delle associazioni e dei centri culturali e antimafia, abbiamo raccolto le loro proposte e le loro richieste, che sono state inserite in una risoluzione approvata oggi. Adesso tocca al governo dare seguito a questo percorso”.

“Si tratta di associazioni, centri e fondazioni che da anni svolgono un ruolo importante nella promozione e conservazione del nostro patrimonio culturale e nell’analisi e conoscenza del fenomeno mafioso – aggiunge Sammartino – è giusto creare le condizioni per una programmazione pluriennale e, allo stesso tempo, monitorare e sostenere le iniziative di maggiore prestigio e rilevanza”.

Secondo il capogruppo dem, Giuseppe Lupo, si tratta di un primo passo “per potere garantire il proseguimento delle loro attività ed a prorogare al prossimo 30 giugno il termine per la rendicontazione delle attività svolte”. Ma anche Lupo precisa: “Ci aspettiamo che adesso il governo faccia la propria parte per dare seguito a quanto chiesto dalla commissione”.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto