Soldato gelese muore per malattia oscura, la famiglia cita in giudizio l’esercito

La famiglia di un militare gelese, il caporal maggiore Giovanni Cosca, 28 anni, deceduto la scorsa settimana per una oscura malattia dopo 7 anni di viaggi della speranza tra caserme, cliniche e ospedali, ha deciso di citare in giudizio l’esercito italiano sostenendo che il giovane sarebbe morto per cause di servizio. La morte, a loro dire, potrebbe essere legata ad una sostanza irritante (una strana polvere mai classificata) che il soldato, arruolato nel 2010, segnalò di avere inalato, nell’aprile del 2011 a Firenze, durante i lavori di rimozione di materiale vario immagazzinato nella caserma “Predieri”, comando dell’Eurofor. Il giovane accusò subito “reazioni cutanee e congiuntivite, dolenzia muscolare diffusa e dispnea” e da quel momento non ebbe più pace. La prima fase acuta si manifestò dopo il suo trasferimento a Rimini. Ma i medici non riuscirono a diagnosticare alcuna patologia. Fu l’istituto nazionale di ricerca neurologica “Mondino” di Pavia a formulare per primo una diagnosi: “vasculite del sistema nervoso centrale”, ovvero l’infiammazione dei vasi sanguigni, ma senza indicarne la causa. Tuttavia la diagnosi non venne confermata dall’arciospedale “Santa Maria Nuova” di Reggio Emilia.

Nel 2015 il soldato chiese, tramite il suo comando (121esimo reggimento artiglieria “Ravenna”), il riconoscimento della causa di servizio e l’equo indennizzo. Solo tre mesi fa, però, l’esercito ha risposto alla richiesta e ha deciso di esaminare la documentazione clinica del militare, ormai disabile. I familiari del soldato attendono ancora il responso. L’infezione causò al paziente, durante un ricovero all’istituto neurologico “Carlo Besta” di Milano nell’aprile del 2016, l’arresto respiratorio.

Cosca perse le capacità di deambulare, di respirare e di deglutire. Venne sottoposto a tracheotomia, Peg e a una terapia che in Sicilia nessun ospedale si dice in grado di garantire. Cosca andò a Como nel centro di riabilitazione “Villa Beretta”. Poi tornò al “Besta”, quindi di nuovo a Como e successivamente al “Mondino”. Tutte le spese sono state sostenute dalla famiglia, in cui lavora solo il padre, Franco, dipendente comunale. Intanto il militare ha terminato il periodo di “ferma” da 4 anni e ha perso anche lo stipendio. Le condizioni di Cosca si sono progressivamente aggravate fino a rendere necessario, il 17 dicembre scorso il ricovero in Rianimazione nell’ospedale di Gela, dove è morto il 30 gennaio.

Teatro del Fuoco Kids

Inizia Teatro del Fuoco Kids, lo spettacolo con il fuoco ed il corso di teatro per i bambini

Il Teatro del Fuoco Kids, nato come sezione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival, ha lo scopo di stimolare le emozioni del bambino, si realizza per il periodo di autunno ed inverno 2018/19 da Elementi Creativi di via Tommaso ...
Leggi Tutto
Festa dell'accoglienza alla scuola Antonio Ugo a Palermo

Cresce l’indignazione per le parole di odio e intolleranza verso la Festa dell’accoglienza a Palermo

Non si placano le polemiche sorte in queste ore a seguito dell’articolo sul quotidiano “La Verità”, diretto da Maurizio Belpietro, con cui Francesco Borgonovo esprime il suo particolare punto di vista sulla Festa dell’accoglienza organizzata dalla scuola Antonio Ugo di ...
Leggi Tutto
Il Museo del Carretto Siciliano - The Sicilian Cart Museum

Museo del carretto siciliano, entro il 2018 l’inaugurazione a Palazzo Valguarnera-Ganci

Nelle scuderie del prestigioso Palazzo Valguarnera-Ganci, noto al pubblico dei cinefili per la celebre scena del ballo ne “Il Gattopardo” di Luchino Visconti, verrà inaugurato a Palermo entro la fine del 2018 il Museo del carretto siciliano. Simbolo dell’iconografia folcloristica ...
Leggi Tutto
Tutte le facce di Facebook

Tutte le facce di Facebook, un libro da condividere

Dopo la nascita di Facebook, niente è stato più come prima. E noi, come siamo sopravvissuti? Ce lo racconta Riccardo Lo Bue nel suo libro Tutte le facce di Facebook. Giovani e meno giovani, pensionati e studenti, uomini e donne: ...
Leggi Tutto