Partigiani dem contro Orlando: “Non parli a nome del Pd”

Nuovo psicodramma in casa Pd. Galeotta una riunione di corrente, che si sarebbe tenuta ieri sera nella segreteria di Davide Faraone. Ad attaccare, questa volta, Salvo Altadonna, a nome dei partigiani del Pd. “La riunione che si è svolta ieri sera presso la segreteria dell’onorevole Faraone, alla quale ha preso parte il primo cittadino, è un affronto alla città di Palermo”.

“Orlando in questi giorni ha raccontato la sua adesione al PD come un ‘atto eroico’ contro destra e populismi. Ma se fosse stato davvero per questo sarebbe bastato il semplice sostegno al Partito Democratico. La verità è venuta fuori ieri: il Sindaco ha aderito alla corrente di Faraone in cambio di un posto in lista per un suo uomo“.

Insomma, per i dissidenti in casa dem, la misura sarebbe colma. “Dopo averci costretto – attacca ancora Altadonna – a rinunciare al simbolo, dopo avere orchestrato il disastro delle elezioni regionali si prepara alla scalata del partito, insieme al suo alleato Totò Cardinale, sotto la regia del sottosegretario. Non lo permetteremo! In politica tutto è concesso, anche i repentini cambi di idea del Sindaco, ma da questo momento parli solo a nome di quella corrente e non dica più che il suo partito è Palermo. Anzi chieda scusa alla città