E-Distribuzione, sciopero dei dipendenti. Filctem Cgil: “Una risposta all’arroganza dell’azienda”

Sciopereranno per 4 ore in tutta la Sicilia, il 13 febbraio, i dipendenti di E-Distribuzione (gruppo Enel). Lo sciopero è stato proclamato da Filctem Cgil, Cisl Reti e Uiltec regionali e si ripeterà il 12 marzo, con altre 4 ore di astensione dal lavoro programmate.

La vertenza va avanti da oltre un anno e coinvolge circa 1.600 lavoratori. “La cronica carenza di personale – dicono Giuseppe D’Aquila, segretario generale della Filctem Sicilia e Francesco Sperlinga, segretario regionale responsabile per il settore – dà luogo a un modello organizzativo che impone al personale eccessive e prolungare prestazioni e insostenibili turni di reperibilità, in violazione anche delle norme. Denunciamo da tempo la situazione – aggiungono – ma ci siamo trovati davanti al muro dell’arroganza dell’azienda che ci ha obbligati alla mobilitazione”.

L’ultima puntata è stata un tentativo di conciliazione presso la Prefettura di Palermo conclusasi con un nulla di fatto. Nel giorno dello sciopero, nel cui ambito, informano i sindacati, “saranno garantiti i servizi essenziali”, si terranno manifestazioni davanti alle sedi Enel. “Servirebbero almeno 100 nuove unità tra operai e impiegati – osservano D’Aquila e Sperlinga – rivedendo l’organizzazione del lavoro in modo tale che i carichi di lavoro siano sostenibili e non eccessivi come quelli attuali , nel rispetto delle norme e dei diritti dei lavoratori”.