Diventerà Bellissima, dissenso da est a ovest

Se la lotta fratricida in casa Pd ha tutto il sapore della cronaca di un disastro annunciato, non va meglio guardando alle altre forze politiche all’indomani della presentazione delle liste. È così in casa Diventerà Bellissima, il movimento fondato dal governatore Nello Musumeci, dove si fanno i conti con tutti gli uomini del presidente, ca va sans dire, tutti catanesi o giù di lì.

L’unico seggio blindato che Diventerà Bellissima rischia di portare a casa è quello di Raffaele Stancanelli, l’uomo a cui Musumeci ha affidato la guida del movimento politico. Ma il biglietto per Roma col nome di Stancanelli stampato sopra non è che l’ultima goccia di un malumore che ormai serpeggia da tempo in casa Diventerà Bellissima. Troppe attenzioni alla Sicilia orientale (e ai suoi uomini) e troppe distrazioni quando si guarda invece al versante occidentale dell’Isola.

E se, da una parte, la campagna elettorale apparentemente assorbe molte energie del movimento, dall’altra ecco che il 18 febbraio si avvicina. Cioè la data di scadenza in quell’enorme barattolo di marmellata chiamato spoil system. Nel quale in molti vorrebbero mettere le mani.

Se questo è lo sfondo, ecco che a sollevare il caso è stata la presidente della commissione Ambiente all’Assemblea regionale, Giusy Savarino, che ha ammesso che la definizione delle candidature per le politiche “ha lasciato un malumore diffuso, anche in chi, come la sottoscritta, ha sempre dichiarato pubblicamente di non avere alcuna ambizione personale. In un movimento giovane come il nostro c’erano tanti territori in cerca di rappresentanza e diversi dirigenti in gamba da valorizzare”.

Savarino si spinge oltre e sottolinea di non sentirsi “personalmente vincolata da un accordo al ribasso sulle candidature, non passato in direzione né autorizzato dagli organi preposti. Spero che questo non sia il segnale silente della volontà di qualcuno di disintegrare il movimento a favore di qualche forza politica nazionale”.

Ma la presidente della Quarta Commissione non è l’unica ad insinuare il pensiero stupendo su Fratelli d’Italia, al contrario in molti nelle retrovie ammettono “quello era un partito con percentuali da elenco telefonico qui da noi. Perché farlo crescere con le nostre energie?”.

Anche Fabio Granata, in un post sul gruppo di Diventerà Bellissima dà voce ai malumori rimasti finora sottesi: “siamo tutti contenti per le amiche e gli amici di Diventerà Bellissima candidati per le prossime nazionali. Ma una domanda sorge spontanea: chi e in quale sede le ha decise? Posso fare questa domanda proprio perché mai interessato personalmente a una candidatura nell’ambito del vecchio centrodestra. Ma come fondatore di DB mi chiedo: che fine ha fatto la direzione che avrebbe dovuto discutere e ratificare? Che fine ha fatto Diventerà Bellissima?”.

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto