La Sicilia sommersa di lavoro: semu ricchi e nuddu u sapi

Dati economici dal sapore dolce amaro per la Sicilia. Da una parte l’aumento delle richieste di personale da parte delle imprese (che però stentano a trovarne di qualificato sul mercato), dall’altra la piaga del lavoro nero che nell’isola risulta essere dilagante.

Cominciamo dall’aumento della domanda di forza lavoro. In Sicilia, a fronte di una carenza di personale qualificato, sono i giovani a essere i più richiesti, quelli che possono essere avviati al lavoro direttamente in azienda, per ritrovarseli in organico già formati. Ecco, dunque, che per il 2018 risultano essere 55.720 le richieste di personale da avviare (di queste 19.630 erano previste a gennaio e saranno presto riscontrabili), secondo i dati contenuti nel report Excelsior, stilato da Unioncamere e Anpel (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro). Certo, per la maggior parte non si tratta di assunzioni a tempo indeterminato. Secondo la proiezione, infatti, queste ultime saranno soltanto il 22%, mentre il 43% saranno a tempo determinato (stessa percentuale delle forme di collaborazione a diverso titolo). Per il resto si tratterà di contratti di apprendistato (4%), somministrazione (8%) e altre forme di lavoro dipendente (1%).

Veniamo, adesso, a quella che risulta essere la nota dolente nel mondo dell’occupazione in Italia emersa in questi giorni, e che vede la Sicilia tra i primi posti in classifica tra le regioni: il sommerso. Secondo i dati Censis-Confcoop nel nostro Paese sono 3,3 milioni gli italiani che lavorano in nero, privi di contratto e fondamentalmente senza diritti. La Sicilia risulta essere la terza fra le venti regioni italiane per incidenza del lavoro irregolare sul valore aggiunto regionale, con l’8,1%, preceduta da Calabria (9,9%) e Campania (8,8%). Insomma, sembra proprio il caso di dire che “Semo ricchi e nuddu u sapi“.

Morti Bianche in Sicilia, Alessandro Aricò: "Verificheremo ipotesi prepensionamento per i lavoratori a lungo esposti all'amianto"

Morti Bianche in Sicilia, Aricò: “Verificheremo ipotesi prepensionamento per chi esposto all’amianto”

"L'appello lanciato dall'Osservatorio nazionale Amianto merita una risposta immediata delle istituzioni politiche e pertanto avrà il massimo sostegno da parte nostra: verificheremo la possibilità di portare al Consiglio dei ministri un atto di indirizzo che preveda il prepensionamento dei lavoratori ...
Leggi Tutto
La via dei Librai, presentata la terza edizione a Palermo: 60 stand, 3 isole letterarie e 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto

La via dei Librai, presentata la terza edizione: 60 stand e 3 isole letterarie

Terza edizione, 60 stand, 3 isole letterarie (Leonardo Sciascia: piazza Bologni, Vincenzo Consolo: piano della Cattedrale, Salvatore Quasimodo: via Collegio di Giusino), 120 partecipanti tra librerie, editori, associazioni culturali, commercianti ed artigiani del Cassaro Alto, 1 km di passione, di ...
Leggi Tutto
Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura

Lomonte: “Non c’è alcuna crisi idrica, agricoltori colpiti per mancanze di idee della Regione”

Ciro Lomonte, segretario dei Siciliani Liberi, attacca il governo regionale sulla gestione della crisi idrica, soprattutto per quel che concerne il settore dell'agricoltura: "Non c’è alcuna crisi idrica, e gli agricoltori non possono essere colpiti per la mancanza di idee ...
Leggi Tutto
Amianto killer in Sicilia, Filippo Virzì portavoce dell'Ugl Sicilia: "Determinante l'operato dell'Ona. Politica troppo timida sull'argomento"

Amianto, Filippo Virzì (Ugl): “Determinante l’operato dell’Ona”

"I dati snocciolati da Ezio Bonanni, presidente dell'Osservatorio Nazionale Amianto (Ona), in occasione del convegno di stamani sono a dir poco agghiaccianti, 600 decessi per patologie legate all’amianto nel 2017, dice tutto, è un dato che deve farci riflettere profondamente". Così ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest