Formazione, Monterosso assolta dall’accusa di peculato

Patrizia Monterosso, ex segretario generale della Regione siciliana e attuale direttore della Fondazione Federico II, assolta dall’accusa di peculato da 11 milioni di euro, legato agli extra-budget della Formazione professionale, “perché il fatto non sussiste”. La Monterosso era stata accusata assieme ad Anna Rosa Corsello, ex dirigente regionale. La prima ha scelto il rito abbreviato, mentre la seconda l’ordinario. “È finita una prova umana dolorosissima – dicono gli avvocati dell’imputata, Roberto Mangano e Nino Caleca – che ha segnato pesantemente anche le prospettive professionali e di vita della Monterosso”.

Al centro del processo le somme concesse agli enti di formazione in aggiunta alle cifre previste inizialmente dal Piano dell’offerta formativa regionale, integrazioni ritenute illegittime dalla Corte dei conti. Per l’accusa, la Monterosso sarebbe stata la concorrente morale del peculato milionario commesso materialmente da Corsello, ex dirigente del dipartimento della Formazione.