Educazione ambientale, al via nelle scuole progetto Differenziamoci. Lagalla: “Fondamentale formare i giovani”

Domani, giovedì 1 Febbraio, alle ore 9:30, presso la sede dell’I.T.E.T. “Pio La Torre”, in via Nina Siciliana n.22 a Palermo, l’assessore Roberto Lagalla, in rappresentanza del Presidente Nello Musumeci, interverrà in occasione della conferenza di presentazione del progetto di educazione ambientale “Differenziamoci”, creato dall’Ufficio Speciale per la Raccolta Differenziata della Presidenza della Regione in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale.

 “Lo sviluppo della nostra economia, come quella di tutti i paesi europei, passa necessariamente attraverso la tutela dell’ambiente – spiega Lagalla – è pertanto fondamentale informare e formare i giovani sul riuso, sul riciclo e sul recupero dei rifiuti. Per promuovere una corretta cultura della raccolta differenziata e, più in generale, del rispetto dell’ambiente, bisogna quindi partire dalla scuola e iniziative come questa rappresentano un metodo efficace per sensibilizzare i giovani e le loro famiglie verso l’adozione di buone pratiche quotidiane”.

“Differenziamoci – per imparare a differenziare divertendosi” prevede 18 incontri sulla diffusione della cultura della raccolta differenziata e sui temi dell’economia circolare. Coinvolge sia le organizzazioni di volontariato ambientaliste, quali Legambiente, Rifuti Zero e Zero Waste Sicilia, sia i Consorzi Nazionali del Riciclo: COREPLA per la plastica; COREVE per il vetro; COMIECO per la carta; CIAL per l’alluminio, RiCrea per il Legno; CONOE e CiC rispettivamente per gli olii usati e per il compost. Queste organizzazioni svolgono un ruolo cardine nelle settore del recupero e del riciclo dei rifiuti, la loro testimonianza rende più efficace spiegare agli alunni e alle famiglie siciliane, come ciò che viene scartato quotidianamente può tornare ad avere un valore economico grazie al riciclo.

Quest’anno il progetto coinvolgerà oltre 5.000 alunni, le relative famiglie, oltre 500 docenti, centinaia di volontari e di cittadini. In ogni scuola sarà istituita la figura dell’Ambasciatore Ambientale che, coadiuvato dal personale dell’Ufficio Speciale per la Raccolta Differenziata, dalle associazioni ambientaliste e dei Consorzi del Riciclo, avrà il compito di informare e formare gli studenti, i dirigenti scolastici, il corpo docente e amministrativo, verso una più consapevole cultura ambientale, che passa obbligatoriamente da una corretta raccolta differenziata.


Widget not in any sidebars