Accordo tra aeroporto e Pro Loco, Cobas: “È una roulette russa”

Un accordo siglato tra l’assessorato regionale al Turismo, l’Unione nazionale Pro Loco d’Italia (UNPLI Sicilia) e la Gesap (la municipalizzata che gestisce l’aeroporto di Palermo) che prevede di far partire un servizio informativo turistico. “A questo servizio – è il racconto del Cobas -Codir, il sindacato maggiormente rappresentativo nel comparto dipendenti regionali Sicilia – dovrà essere assegnato personale dell’Unpli Sicilia, supportato da personale del dipartimento regionale al Turismo”.

Secondo il sindacato, a monte ci sarebbe una “probabile mancanza di criterio nell’istituzione dell’infopoint all’aeroporto “Falcone e Borsellino” di Palermo, in relazione all’individuazione delle risorse umane senza – sembrerebbe – criteri ascrivibili alle necessarie competenze”.

Il dato certo, stando ancora al racconto dell’organizzazione sindacale, è che è stato selezionato “un elenco di 24 dipendenti del dipartimento regionale Turismo che dovranno recarsi (con turni di 15 giorni) presso l’aeroporto per assicurare il servizio. In tal modo, invece di formare il personale da destinare, o invece di cercarlo già qualificato con conoscenza di lingue straniere e formati per dare informazioni su trasporti e su beni culturali e paesaggistici sarebbero stati individuati – senza alcun confronto sindacale – dipendenti in alcuni casi nell’impossibilità funzionale o materiale di assicurare questo servizio”.

“Una sorta – si chiedono dal sindacato – di roulette russa ? Una vicenda che ha tutto il sapore di un’occasione sprecata improntata all’improvvisazione e all’incapacità gestionale”.