Fabio Sgroi / Un reportage in bianco e nero in quattordici paesi europei

Past Euphoria-Post Europa, libro fotografico di Fabio Sgroi, è la storia di un viaggio che attraversa in lungo e largo i Paesi dell’est Europa continentale.
È un viaggio nel tempo, che coglie i diversi passaggi di un percorso articolato e complesso, accompagnando la trasformazione politica e sociale di 14 Paesi, che puntano al traguardo: la ricerca e la definizione di un’identità comune, allargata all’Europa.
La Germania e la Serbia sono i Paesi più fotografati, nei quali si può cogliere in pieno il processo identitario nel continente Europeo: dall’iniziale euforia, alla marcia frammentaria con il doppio passo, quello occidentale e quello dell’est, fino alla fobia europea scatenatasi con la crisi. Le tappe fondamentali dell’allargamento, diventano un ottimo punto d’osservazione.
Il volume è stato pubblicato attraverso la campagna di crowdfunding della piattaforma Crowdbooks


Fabio Sgroi – Biografia
Si è interessa di fotografia dal 1985, quando da autodidatta comincia a fotografare i ragazzi della sua generazione, giovani vicini al punk e all’underground; dal 1986 lavora per un paio di anni per il quotidiano “L’Ora” di Palermo. Fin dall’inizio dedica il suo lavoro alla sua terra, la Sicilia, concentrandosi sulle ricorrenze annuali e le cerimonie religiose, fino alla vita quotidiana. Viaggia e lavora attraverso l’Europa e in varie parti del mondo. Nel 2000 si è concentra sul formato fotografico panoramico dedicandosi al paesaggio urbano e all’archeologia industriale. Prende parte a mostre collettive ed espone in mostre personali, in Italia e all’estero: Festival Off Arles, Artget Gallery e Museo Etnografico di Belgrado, Leica Gallery a Sölms, Photo Biennale Mosca, Biennale Photographique Bonifacio, Centre Méditerranéen de la Photographie Bastia (Corsica), Saba Gallery New York, Diaframma-Kodak – Milano. La sua carriera include anche la partecipazione ad alcuni progetti internazionali e residenze svolte in Francia, Germania e Repubblica Ceca.