Le dighe fanno acqua

Un sistema da rimettere in piedi all’alba di una crisi idrica che sembra inevitabile. E il Cobas-Codir denuncia problemi di sicurezza

Il rischio dei rubinetti a secco è pressoché dietro l’angolo. L’allarme siccità di questi giorni, scaturito all’alba di un gennaio particolarmente caldo e poco piovoso conferma un trend piuttosto costante negli ultimi mesi. Piove poco e le 23 dighe siciliane non si riempiono a sufficienza. Lo stato delle reti idriche ridotte sempre più spesso a colabrodo, poi, fa il resto.

Insomma, per Salvo Cocina, il direttore generale dell’assessorato all’Energia voluto da Nello Musumeci all’indomani delle dimissioni di Vincenzo Figuccia, i guai non si trovano soltanto guardando al dipartimento ai rifiuti. Al contrario, anche il settore delle acque non è affatto rose e fiori. Intanto per l’avviso di garanzia che, insieme alla carica di dirigente generale, Cocina ha ereditato per la vicenda dei due operai morti nella diga Furore lo scorso anno.

Ma oltre le tragedie, le condizioni in cui versano le dighe siciliane non sono per niente rassicuranti. A cominciare dal numero di dipendenti in servizio, che dovrebbe essere pari a 12 unità per ogni diga. Ma in realtà praticamente in tutte le dighe il numero di funzionari è inferiore, spesso tra le 6 e le 8 unità, fino al caso limite della diga Santa Rosalia a Ragusa, dove a coprire i turni sono arrivati ad essere soltanto quattro dipendenti. Una situazione che non consente di coprire i turni con almeno due persone in servizio e che, dunque, in caso di difficoltà aumenta i rischi sul luogo di lavoro, considerato che si tratta di strutture che si trovano spesso in luoghi isolati, spesso parecchio lontani dai centri abitati.

Secondo il sindacato Cobas-Codir, le condizioni lavorative di chi lavora nelle dighe sono spesso “difficili e intollerabili”, mentre le dighe vengono descritte come “strutture spesso fatiscenti e non adeguate dal punto di vista della sicurezza”.

La denuncia del sindacato è chiara: alcuni impianti elettrici non sarebbero conformi alla normativa esistente; “le strutture dove alloggiano i guardiani presentano in molti casi pericolose parti strutturali ammalorate e spesso igienicamente non adeguate; i cunicoli e i calici ispezionabili sono privi di rilevatori di gas, di citofoni e di sistemi di allarme; manca la possibilità di risalita rapida per emergenza nelle paratoie; la turnazione sia diurna che notturna spesso avviene con un solo guardiano e non almeno due come dovrebbe essere; spesso non si ottempera alle prescrizioni fatte dal servizio nazionale dighe”. Insomma, è un intero sistema da rimettere in piedi e anche piuttosto in fretta. Magari prima che i rubinetti dei siciliani rimangano a secco.

Mattarella in visita a Catania, inaugurazione del viale intitolato a Ciampi

Mattarella in visita a Catania, inaugurazione del viale intitolato a Ciampi

Visita oggi del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel quartiere di Librino a Catania, dove ha preso parte all’inaugurazione di viale Carlo Azeglio Ciampi. Alla cerimonia hanno partecipato anche il figlio dell’ex Capo dello Stato, Claudio Ciampi, il governatore della ...
Leggi Tutto
Spari contro centro ricreativo africano a Vittoria, indagano i Carabinieri

Spari contro centro ricreativo africano a Vittoria, indagano i Carabinieri

Sparati contro un centro ricreativo di persone nordafricane in via Senia a Vittoria, nel Ragusano, quattro colpi di pistola. Ad intervenire i Carabinieri, che stanno ascoltando alcuni testimoni. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, i colpi sarebbero stati sparati ...
Leggi Tutto
Senza né acqua né cibo, guardie zoofile Oipa salvano 10 cani in una villa a Mondello

Senza né acqua né cibo, guardie zoofile Oipa salvano 10 cani in una villa a Mondello

Dieci cani completamente abbandonati a se stessi, sporchi, senza né acqua né cibo e con evidenti ferite sanguinanti, sono stati trovati all’interno di una villa dismessa, costretti a vivere tra le loro feci, diversi rottami e senza un riparo, a ...
Leggi Tutto
Lezioni di cicloturismo, appuntamento il 19 gennaio con Ciclabili Siciliane

Lezioni di cicloturismo, appuntamento il 19 gennaio con Ciclabili Siciliane

Lezioni di cicloturismo, per trasformare un’attività ludica in un’opportunità economica, con effetti benefici per tutto il territorio siciliano. A tenerle l’associazione Ciclabili Siciliane, giunta al terzo appuntamento - previsto il prossimo 19 gennaio, dalle ore 19 alle 21, presso il ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest