Le dighe fanno acqua

Un sistema da rimettere in piedi all’alba di una crisi idrica che sembra inevitabile. E il Cobas-Codir denuncia problemi di sicurezza

Il rischio dei rubinetti a secco è pressoché dietro l’angolo. L’allarme siccità di questi giorni, scaturito all’alba di un gennaio particolarmente caldo e poco piovoso conferma un trend piuttosto costante negli ultimi mesi. Piove poco e le 23 dighe siciliane non si riempiono a sufficienza. Lo stato delle reti idriche ridotte sempre più spesso a colabrodo, poi, fa il resto.

Insomma, per Salvo Cocina, il direttore generale dell’assessorato all’Energia voluto da Nello Musumeci all’indomani delle dimissioni di Vincenzo Figuccia, i guai non si trovano soltanto guardando al dipartimento ai rifiuti. Al contrario, anche il settore delle acque non è affatto rose e fiori. Intanto per l’avviso di garanzia che, insieme alla carica di dirigente generale, Cocina ha ereditato per la vicenda dei due operai morti nella diga Furore lo scorso anno.

Ma oltre le tragedie, le condizioni in cui versano le dighe siciliane non sono per niente rassicuranti. A cominciare dal numero di dipendenti in servizio, che dovrebbe essere pari a 12 unità per ogni diga. Ma in realtà praticamente in tutte le dighe il numero di funzionari è inferiore, spesso tra le 6 e le 8 unità, fino al caso limite della diga Santa Rosalia a Ragusa, dove a coprire i turni sono arrivati ad essere soltanto quattro dipendenti. Una situazione che non consente di coprire i turni con almeno due persone in servizio e che, dunque, in caso di difficoltà aumenta i rischi sul luogo di lavoro, considerato che si tratta di strutture che si trovano spesso in luoghi isolati, spesso parecchio lontani dai centri abitati.

Secondo il sindacato Cobas-Codir, le condizioni lavorative di chi lavora nelle dighe sono spesso “difficili e intollerabili”, mentre le dighe vengono descritte come “strutture spesso fatiscenti e non adeguate dal punto di vista della sicurezza”.

La denuncia del sindacato è chiara: alcuni impianti elettrici non sarebbero conformi alla normativa esistente; “le strutture dove alloggiano i guardiani presentano in molti casi pericolose parti strutturali ammalorate e spesso igienicamente non adeguate; i cunicoli e i calici ispezionabili sono privi di rilevatori di gas, di citofoni e di sistemi di allarme; manca la possibilità di risalita rapida per emergenza nelle paratoie; la turnazione sia diurna che notturna spesso avviene con un solo guardiano e non almeno due come dovrebbe essere; spesso non si ottempera alle prescrizioni fatte dal servizio nazionale dighe”. Insomma, è un intero sistema da rimettere in piedi e anche piuttosto in fretta. Magari prima che i rubinetti dei siciliani rimangano a secco.

In una nota il Consiglio della VII circoscrizione di Palermo ha annunciato l'avvio della raccolta differenziata domiciliare per lidi e i locali a Mondello e Sferracavallo

Palermo, al via la raccolta differenziata domiciliare per i locali di Mondello e Sferracavallo

In una nota in risposta al problema dei rifiuti urbani nelle borgate marinare, il Consiglio della VII circoscrizione di Palermo ha annunciato l'avvio della raccolta differenziata domiciliare per lidi e locali a Mondello e Sferracavallo."A seguito di un incontro promosso ...
Leggi Tutto

Ente sviluppo agricolo, la Fp Ugl contro la soppressione

La Fp Ugl interviene contro quella che giudica una 'demonizzazione' delll'Esa, l'Ente sviluppo agricolo che secondo il governo regionale deve essere soppresso: "La nostra organizzazione sindacale - dice Gaetano Cassibba, segretario provinciale Fp Ugl a Palermo - in questi giorni ...
Leggi Tutto
Tullio Puglia Pif

La protesta di Tullio Puglia: “Caro Pif, fai ripulire i resti di urina della troupe”

Sta creando qualche disagio la troupe che sta girando in diverse zone di Palermo Momenti di trascurabile felicità, del regista Daniele Luchetti, tratto dall’omonimo best seller di Francesco Piccolo, con protagonista Pif. Dopo i problemi a piazza Castelnuovo, con la deviazione del traffico che ...
Leggi Tutto
Triscina ruspa rifiuti spiaggia Mareamico

Mareamico: “Una ruspa ha scaricato tonnellate di rifiuti nella spiaggia di Triscina” – IL VIDEO

La delegazione agrigentina dell'associazione Mareamico ha denunciato che ieri mattina a Triscina, la spiaggia di Castelvetrano, in provincia di Trapani, una ruspa ha scaricato tonnellate di rifiuti provenienti dal dragaggio del porto di Selinunte. "Questa poltiglia maleodorante, contenente residui di ...
Leggi Tutto