Istat, Pil in ribasso in Sicilia. Cgil: “Il problema sono le politiche di sviluppo”

L’ultimo bollettino dell’Istat (Istituto nazionale di statistica) di fine dicembre, con i dati definitivi del Pil (Prodotto interno lordo) del 2015 e del 2016, vedono la Sicilia in netto ribasso rispetto alle stime che si erano fatte e sulle quali la Regione aveva basato le proprie previsioni. Nel 2015 la Sicilia è caduta in recessione, con il Pil a -0,1% a fronte di di una stima del +0,2%, mentre nel 2016 il dato definitivo vede un +0,9% a fronte di una previsione del +2.1%. Dati allarmanti per i conti della Regione, con il dipartimento Economia che dovrà valutare l’impatto sul bilancio, con la paura di un nuovo buco.

“I dati Istat definitivi del Pil 2015 e 2016, in ribasso rispetto alle previsioni, ci fanno dire che è giunto il momento di creare una rottura vera col passato e di ripensare a un nuovo modello per la Sicilia”, ha commentato il segretario regionale della Cgil Sicilia, Michele Pagliaro. “Riteniamo che l’impegno del governo debba concentrarsi ora sul come attivare subito le risorse dei Fondi europei 2014-2020 e quelle dei Patti, con nuove strategie che tengano conto dell’analisi di impatto che tali spese avranno per l’economia dell’Isola”.

“Alla luce della situazione data – sottolinea Pagliaro –  è indispensabile che l’approvazione del Def  avvenga quanto prima, in largo anticipo rispetto alla presentazione del bilancio e della legge di stabilità, per approfondire il dibattito e avere chiarezza sulle linee strategiche che il governo attende adottare. A tal fine chiediamo l’apertura in tempi rapidi del confronto con le parti sociali perché il bilancio di una regione è un bilancio politico che deve tenere conto di tante problematiche aperte: quelle occupazionali, quelle relative al diritto alla salute, alla povertà e alla disabilità per citarne qualcuna, della necessità di procedere rapidamente ad alcune riforme”.

Pagliaro ritiene “fuorviante e inopportuno” l’approccio del nuovo governo ai temi economici, che, dice,  “antepone alle analisi la dichiarazione che non si possono rispettare gli impegni del precedente e dell’attuale governo (si ricordi la cancellazione del bollo auto) perché c’è un disavanzo di 5 miliardi“. Si tratta infatti – sostiene la Cgil – di entrate cancellate relative ai residui attivi che il decreto legislativo sull’armonizzazione dei bilanci degli enti ha stabilito che venissero cancellati e reiscritti annualmente in un fondo attraverso un ammortamento trentennale, per rendere più trasparente la contabilità del settore pubblico allargato”.  Secondo Pagliaro, per il quale “l’accordo con lo Stato doveva portare a qualche risultato in più” ora “occorre guardare al problema economico finanziario in un’ottica complessiva, avendo chiaro che le soluzioni devono inscriversi in una visione strategica che punti allo sviluppo produttivo e al rilancio dell’economia e del lavoro. Ora – conclude il segretario della Cgil – diventa fondamentale il confronto per un’analisi approfondita dello stato dei conti e l’individuazione delle opportune soluzioni”.

Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto
Marianna Caronia ed Ernesto Basile

Museo Basile e Liberty. ARS approva primi fondi per progettazione

Acquista concretezza l'idea di realizzare a Palermo un museo del Liberty e dell'opera di Ernesto Basile. Con un emendamento approvato questa notte dalla commissione bilancio su proposta di Marianna Caronia è stato infatti stanziata la somma di 45000 euro per ...
Leggi Tutto