Una poltrona per due

Alongi e Pistorio candidati a sostituire Figuccia. Il posto più scottante di tutto il governo ha scatenato una lotta in casa Udc

La poltrona è la più scomoda delle dodici della giunta. In molti si dicono pronti a scommettere che dietro la resa di Figuccia non ci fossero soltanto le mire romane, ma anche una certa dose di difficoltà nella gestione del ramo più complesso dell’amministrazione regionale. Ma la morale della favola, ad ogni modo, resta nella grana d’inizio anno per Musumeci: l’assegnazione della delega all’assessorato all’Energia. Una poltrona, appunto, scomodissima, in cui bisogna fare i conti con l’emergenza rifiuti alle porta, le scarsissime speranze di poter trasportare i rifiuti all’estero, i livelli di differenziata ancora al palo, gli impianti fermi praticamente all’anno zero e le discariche ormai stracolme. Il suo uomo di fiducia, Musumeci l’ha già trovato e si chiama Salvo Cocina, ingegnere, già a capo della protezione civile e dell’ufficio speciale per la differenziata istituito da Crocetta, che già dalla scorsa settimana guida il dipartimento ai rifiuti. Resta la pedina politica.
Con l’Udc che non ha alcuna intenzione di cedere il posto in giunta. “Il partito terrà per sé la delega” assicurano dallo staff di Antonio De Poli. Sui nomi, invece, filtra che l’orientamento ufficiale del partito sarebbe in direzione di un tecnico. Ma nei retrobottega si mormora già parecchio. Al di là delle rassicurazioni sul profilo tecnico, la lotta fratricida sembra essere in corso, eccome. Protagonisti, due ex assessori di Rosario Crocetta (e non solo), che Musumeci non vuole in prima linea nella sua giunta, proprio per la continuità che rappresenterebbero rispetto al passato: Ester Bonafede, da una parte, Giovanni Pistorio dall’altra. Sullo sfondo, la composizione delle liste elettorali in vista delle politiche. E quel seggio sicuro dell’Udc al Senato. Conteso, ca va sans dire, dai due ex assessori regionali.
Così, sul fronte giunta regionale, Ester Bonafede, intanto, sponsorizzerebbe il nome di Pietro Alongi, primo dei non eletti in casa Udc a Palermo, già vicepresidente della commissione Ambiente all’Ars, componente dell’Antimafia guidata da Musumeci nella scorsa legislatura e assessore provinciale alla Legalità. Alongi, che è anche un ex poliziotto e un ex sindaco, ciliegina sulla torta, è un nome particolarmente gradito al primo inquilino di Palazzo d’Orleans. E sarebbe un “problema” in meno per Bonafede, che punta dritto al primo posto in lista per Palazzo Madama. Resta, però, il tema di Giovanni Pistorio, che Cesa e De Poli non vogliono certo lasciare scontento, rischiando una fuoriuscita pericolosa per il partito, a meno di due mesi dal ritorno alle urne. I prossimi, insomma, saranno giorni decisivi, per la giunta e per l’Udc, che in tempi ragionevoli dovrà proporre un nome a Musumeci. Prima che il governatore decida da solo, con buona pace degli alleati.

Mattarella in visita a Catania, inaugurazione del viale intitolato a Ciampi

Mattarella in visita a Catania, inaugurazione del viale intitolato a Ciampi

Visita oggi del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, nel quartiere di Librino a Catania, dove ha preso parte all’inaugurazione di viale Carlo Azeglio Ciampi. Alla cerimonia hanno partecipato anche il figlio dell’ex Capo dello Stato, Claudio Ciampi, il governatore della ...
Leggi Tutto
Spari contro centro ricreativo africano a Vittoria, indagano i Carabinieri

Spari contro centro ricreativo africano a Vittoria, indagano i Carabinieri

Sparati contro un centro ricreativo di persone nordafricane in via Senia a Vittoria, nel Ragusano, quattro colpi di pistola. Ad intervenire i Carabinieri, che stanno ascoltando alcuni testimoni. Stando a una prima ricostruzione dei fatti, i colpi sarebbero stati sparati ...
Leggi Tutto
Senza né acqua né cibo, guardie zoofile Oipa salvano 10 cani in una villa a Mondello

Senza né acqua né cibo, guardie zoofile Oipa salvano 10 cani in una villa a Mondello

Dieci cani completamente abbandonati a se stessi, sporchi, senza né acqua né cibo e con evidenti ferite sanguinanti, sono stati trovati all’interno di una villa dismessa, costretti a vivere tra le loro feci, diversi rottami e senza un riparo, a ...
Leggi Tutto
Lezioni di cicloturismo, appuntamento il 19 gennaio con Ciclabili Siciliane

Lezioni di cicloturismo, appuntamento il 19 gennaio con Ciclabili Siciliane

Lezioni di cicloturismo, per trasformare un’attività ludica in un’opportunità economica, con effetti benefici per tutto il territorio siciliano. A tenerle l’associazione Ciclabili Siciliane, giunta al terzo appuntamento - previsto il prossimo 19 gennaio, dalle ore 19 alle 21, presso il ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest