Mediatore culturale, la Regione riconosce la figura professionale. Lagalla: “Indispensabili”

Approvato e inserito, tramite decreto dell’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale, il profilo di “Mediatore Interculturale” nel Repertorio delle qualificazioni della Regione Siciliana, fino a questo momento non riconosciuto​​,​ differentemente da altre regioni italiane che negli anni hanno proceduto in questa direzione.

Esprime soddisfazione l’assessore regionale Roberto Lagalla: “È una figura professionale indispensabile per la società multiculturale nella quale viviamo – spiega Lagalla – per garantire coesione sociale e pari opportunità, attraverso processi di integrazione e accoglienza, graduali e assistiti. Il sostegno agli immigrati, alle famiglie e alle associazioni deve avvenire prioritariamente attraverso un operatore sociale che ne sappia interpretare i bisogni, per favorirne l’inserimento sociale e il dialogo con le istituzioni, nell’osservanza dell’ordinamento italiano. La mediazione interculturale è certamente, oggi più che mai, indispensabile per la rimozione delle barriere culturali, linguistiche e per la salvaguardia dei diritti e dei doveri, come per l’accesso ai servizi pubblici e privati della popolazione di immigrati”.

Il decreto è in corso di pubblicazione​ nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana.


Widget not in any sidebars