Saldi, le iniziative per l’apertura della stagione degli sconti. Bivona: “Acquisti in crescita”

Saldi al via il prossimo 6 gennaio in Sicilia e già sono iniziati i preparativi per tutti gli esercizi commerciali. Il periodo che sta per arrivare resta il più importante dal punto di vista economico per i negozi e i centri commerciali, anche se ormai da qualche anno sono state introdotte in Italia delle usanze tipicamente americane con giornate che anticipano i saldi, come il Black Friday e il Cyber Monday. Ecco perché tutti i grossi centri si preparano alla stagione dei saldi con diverse iniziative.

Giorno 6 gennaio apertura prolungata nei negozi di due centri commerciali a Palermo. Al Forum c’è la notte bianca: tutti i negozi rimarranno aperti fino a mezzanotte, per permettere a tutti di poter usufruire degli sconti.

Apertura prolungata anche per il centro commerciale Conca d’Oro, dove sarà possibile trovare le saracinesche dei negozi alzate fino alle 23.00.

Per facilitare l’arrivo dei clienti da Palermo, il Sicilia Outlet Village ha aumentato il numero di corse della navetta che parte dal capoluogo, che non funzionerà solo nel weekend ma sarà attiva anche nei giorni 8,9,10,11 e 12 gennaio.

Secondo il presidente provinciale della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti Salvatore Bivona, i saldi potrebbero registrare un trend positivo tra il 6% e l’8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno in termini di acquisti. “Si tratta – precisa Bivona – di previsioni di massima, che poggiano però sugli esiti confortanti dei primi saldi, ovvero quelli che, tradizionalmente, riguardano la clientela fidelizzata alla quale gli esercizi commerciali si rivolgono attraverso gli sms promozionali. Un’ulteriore motivazione che induce l’organizzazione di categoria all’ottimismo riguarda il volume degli acquisti natalizi”.

“L’attuale trend positivo – continua Bivona –  è innegabilmente legato al titolo di capitale italiana della cultura della quale Palermo beneficerà per il 2018, che ha già fatto registrare risultati positivi durante l’anno appena trascorso, invogliando i turisti a visitare la città e, di conseguenza, a fare acquisti”.

Se, in merito alla tenuta delle compere natalizie e sugli esiti dei saldi le valutazioni del presidente provinciale della Confederazione Italiana Esercenti Commercianti sono complessivamente positive, altrettanto non può dirsi sulla condizione generale del commercio in città e, complessivamente, nell’isola. “La chiusura di negozi storici quali Torregrossa, oltre a rivelare la debolezza dell’economia cittadina, rischia di impoverire strade tradizionalmente vocate al commercio, la cui posizione strategica consentirebbe invece di ospitare marchi e brand internazionali: pertanto, oltre ad auspicare la salvaguardia dei posti di lavoro dei dipendenti, ci auguriamo che quello spazio venga riempito al più presto da un nome altrettanto prestigioso”.