Creata la prima pelle sintetica completa di follicoli piliferi

Non è la prima volta che si ottiene una pelle sintetica, ma mai si era riusciti a replicare in pieno quella naturale. Alcuni ricercatori dell’Università dell’Indiana, guidati da Karl Koehler, sembrano questa volta esserci riusciti: a partire da alcune cellule staminali di topo avrebbe coltivato, infatti, la prima pelle biotech con follicoli piliferi, che ben si presta alla sperimentazione dei farmaci e allo studio dei meccanismi che regolano la crescita dei capelli. Tutto ciò evitando molti test sugli animali. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell Reports.

La creazione di questa prima pelle sintetica è accaduta un po’ per caso. Gli studiosi stavano facendo un altro esperimento che puntava a coltivare in provetta l’orecchio interno, utilizzando cellule di topo riprogrammate e trasformate in staminali pluripotenti, quando hanno notato che insieme al tessuto desiderato erano nate anche cellule della pelle. Ed è così che a quel punto la ricerca ha preso un’altra direzione, puntando l’attenzione su quest’ultime. Il risultato è stato una pelle sintetica completa sia degli strati superiori, l’epidermide, che si quelli inferiori, il derma, sviluppati insieme in un processo nel quale avviene anche la formazione dei follicoli piliferi.