Palermo, sei campione d’inverno: battuta la Salernitana

Un Palermo cinico e solido ha ragione della Salernitana alla Favorita con un secco 3 a 0. Solo note positive dal campo, nonostante le peripezie societarie e lo spauracchio fallimento che pende come una spada di Damocle sulla testa dei tifosi. Ci pensa la squadra ad allontanare i pensieri cattivi, con il titolo di campione d’inverno, a due punti dalla seconda e ben cinque dalle terze in classifica e una prestazione che ha riscaldato i cuori in questo freddo inverno.

Una partita portata avanti con sicurezza dai rosa, trascinati da Traikovski, che ha guidato la manovra offensiva del Palermo. Non ha segnato, ma va benissimo così. Altre note liete, la partita di Chochev. Il bulgaro ha aperto le marcature al ’28 con un gol fortunoso, ispirato da Traikovski. Traversone dalla destra, stop e dribbling con rimpallo in area e palla che si insacca lentamente in rete, nonostante il portiere avversario tocchi con un piede. Finisce il primo tempo sull’1-0.

La partita diventa nervosa, i campani continuano a fare falli e al ’52 restano in dieci per l’espulsione di Vitale. Sebbene in inferiorità numerica, la Salernitana attacca a testa bassa e al ’65 va molto vicina al pareggio. Punizione dalla sinistra, colpo di testa di Bocalon e palla stoppata sulla linea da Posavec, pare senza superarla, anche se gli avversari del Palermo vorrebbero il gol.

Scampato il pericolo, i rosanero si rimboccano le maniche, impostano la manovra e tengono a bada gli avversari. Al ’79 arriva il raddoppio. A ispirare è il solito Traikovski, che serve il neontrato Monachello (in sostituzione di Nestorovski e altra nota lieta della giornata). Sinistro e rete.

In pieno recupero e a risultato ormai acquisito arriva il terzo gol di Jajalo (’93).