Palermo, eventi di Natale approvati il 28 dicembre. Mattaliano: “Creato danno d’immagine alla città

Il Comune di Palermo ha individuato ieri i progetti ritenuti idonei culturalmente e in possesso dei requisiti per la candidatura richiesti dal bando per la realizzazione delle iniziative Cultura ed eventi Natale 2017. Un’approvazione tardiva, soprattutto considerato che, come scrive lo stesso Comune, “nelle prossime ore, saranno effettuate le verifiche formali per ciascun potenziale contraente e, in assenza di riscontri negativi, le attività potranno avere inizio già nel corso del prossimo fine settimana, per concludersi, comunque, entro il mese di gennaio”. Inoltre “in base alla disponibilità di bilancio, si procederà alla stipula dei contratti seguendo per ciascuna graduatoria l’ordine di punteggio: si prevede che sarà finanziato circa un terzo dei progetti”.

Sull’argomento è intervenuto stamattina il vicepresidente della commissione Cultura Cesare Mattaliano, che ha presentato un Ordine del giorno, approvato all’unanimità, con il quale chiedeva al sindaco la sospensione dell’affidamento dei progetti culturali per le festività natalizie.

Il consigliere ritiene che “l’Amministrazione, con il ritardo sulla valutazione e la relativa assegnazione dei progetti presentati dalle associazioni e/o operatori del settore avvenuta in data 28 dicembre, due mesi oltre la presentazione delle offerte, ha di fatto vanificato l’intento, creando un danno d’immagine alla città che in questi giorni è stata visitata da migliaia di turisti che non hanno respirato il clima di festa natalizio, e ha disatteso le aspettative di tanti cittadini soprattutto quelli delle periferie a cui il bando si rivolgeva. Ed ancora, ha creato un danno ai tanti operatori culturali che, oltre ad avere la possibilità di esibirsi, ne avrebbero avuto un beneficio economico”.

Sono preoccupato – conclude Mattaliano – per le iniziative che questa Amministrazione porrà in essere per il 2018 con partner internazionali, vedi Manifesta 12, e per le manifestazioni di attività culturali previste per Palermo Capitale della Cultura“.

Un plauso alla votazione dell’odg arriva da Fabrizio Ferrandelli, coofirmatario dell’emendamento, che annuncia battaglia in aula per domani, avendo ottenuto la presenza dell’assessore alla cultura e degli uffici.