Sequestro di botti nel Ragusano: una denuncia

Sequestrati a Modica oltre 30 chili di botti di genere vietato, a un uomo di 35 anni originario di Pozzallo che li vendeva per strada. Sul mercato avrebbero avuto un valore di oltre 2 mila euro. Le accuse sono di commercio abusivo e omessa denuncia di materie esplodenti per la detenzione e messa in vendita.

Tra il materiale sequestrato dai Carabinieri, anche tubi di lancio lunghi oltre 10 centimetri e con una massa attiva di oltre 5 kg di polvere pirica. Per alcune batterie, sarebbe stato necessario il porto d’armi e la denuncia alla Polizia di Stato. La pericolosità dei botti posti sotto sequestro era data dalla totale incapacità di maneggiarli da parte di chi li vendeva abusivamente e dalla mancata titolarità di una licenza da parte dei acquirenti.


Widget not in any sidebars