Il Palermo fa tris di regine in un campo di sabbia

Manca il re Nestorovski per una mano di poker, ma il Palermo domina lo stesso a Bari con un tris regine: Rispoli, Trajkovski e Coronado. Non c’è un panno sul tavolo, ma un campo di sabbia. Il terreno di gioco del San Nicola è palesemente insufficiente persino per un campionato dilettantistico. Non si capisce come si possa far giocare in questo campo una partita di calcio professionistico.

Già nel primo tempo il Palermo domina nonostante schieri una formazione in grande emergenza. Oltre al bomber indiscusso Nestorovski, indisponibili anche Jajalo, Chochev, Murawski, Morganella, Rolando, Monachello, e agli infortunati di lungo corso Balogh, Rajkovic, Igengneri e Silva. Undici assenze che potevano pesare, e invece c’è la partita che non ti aspetti: Bari-Palermo finirà 0-3. Tutta la squadra rosanero gioca egregiamente, compreso il portiere Posavec. Preziosi, come sempre, i polacchi: oggi in campo solo Cionek e Dawidowicz. Struna giganteggia, Gnahoré ha tocchi deliziosi, Coronado è ispirato.

Nella prima parte della gara il risultato non si sblocca, ma il Palermo si fa vedere molto in area avversaria. Con quattro tiri e cinque calci d’angolo a fronte del nulla più completo da parte del Bari. Squadre lunghe, anche a causa di un campo dove l’infortunio è in agguato ad ogni pallone e persino mentre si corre senza palla. [Leggi tutto]