Marcello Dell’Utri, rigettata sospensione della pena

La richiesta di sospensione della pena presentata dai legali dell’ex senatore Marcello Dell’Utri, sulla base delle sue cattive condizioni di salute, è stata respinta dal Tribunale di sorveglianza di Roma. Dell’Utri sta scontando una condanna a 7 anni nel carcere di Rebibbia per concorso in associazione mafiosa.

Il Pg Pietro Giordano si è opposto alla richiesta di sospensione sulla scorta di quanto accertato dai periti del tribunale, secondo i quali nonostante le patologie, Dell’Utri può rimanere in carcere.

Il Procuratore generale è andato contro il parere degli stessi consulenti della Procura generale, che si erano espressi per l’incompatibilità tra le condizioni cliniche e lo stato detentivo. A seguito della decisione del Tribunale di sorveglianza, l’ex senatore, affetto da patologie cardiache e oncologiche, ha annunciato tramite i legali lo sciopero della fame e delle cure.