Crisi trasporto pubblico locale, sindacati a Falcone: “Coinvolti più di 10 mila lavoratori”

La crisi attanaglia il trasporto pubblico locale in Sicilia e i sindacati scrivono al neoassessore al ramo Marco Falcone: “Da troppo tempo – si legge in una lettera unitaria rivolta al neo assessore regionale Infrastrutture e Trasporti dai segretari di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, Franco Spanò, Amedeo Benigno e Agostino Falanga – il settore del trasporto pubblico locale vive una persistente e gravissima crisi, prima di tutto legata ai finanziamenti, conseguenza delle scelte fatte con le diverse leggi finanziarie negli anni passati da parte del governo regionale e che hanno portato a tagli e riduzioni dei trasferimenti. Si tratta, anche, di una crisi che ha avuto pesanti e insopportabili ricadute sull’organizzazione dei servizi di trasporto nella nostra regione”.

Gli esponenti delle organizzazioni sindacali chiedendo un incontro urgente per la soluzione della vertenza: “La crisi riguarda l’intero settore del Tpl siciliano nelle diverse modalità del trasporto urbano, sub-urbano ed extraurbano, gommato, ferroviario, marittimo e aereo, aziende pubbliche (AST) e private. Coinvolge più di diecimila lavoratori e ha ripercussioni negative sulla qualità  della vita dei cittadini, pregiudicandone il loro diritto alla mobilità. Un aspetto importante – sottolineano i sindacati -, forse determinante, è rappresentato dall’approvazione tramite contratto di servizio del trasporto regionale su ferro, il cui iter ancora non è stato completato”.

I sindacati fanno presente l’emergenza che si sta determinando e aggiungono: “Non riteniamo più sopportabile questa situazione, siamo preoccupati che si possa verificare un ulteriore deterioramento dei servizi pubblici di trasporto con il licenziamento di migliaia di lavoratori e il completo abbandono della mobilità specialmente in alcune aree della Sicilia. Per questo – scrivono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti  –  riteniamo che, dopo la recente approvazione del Piano Regionale dei Trasporti, siano necessari interventi attuativi per renderlo operativo con la programmazione , il riordino, la razionalizzazione e la regolazione di tutto il Tpl. Tutto ciò in un processo di liberalizzazione, di una sana competizione tra pubblico privato, d’integrazione dei servizi, dei vettori e di integrazione con le diverse modalità di trasporto, al fine di un rilancio del settore in Sicilia”.

Ancra Confcommercio: Subito micro aree ecologiche in Sicilia”

Dalle carte di credito con microchip ai bambolotti parlanti con cui giocano le bambine, dalle macchinine elettriche alle semplici prolunghe che tutti abbiamo in casa o ancora il piccolo telecomando per automazione, per fare alcuni esempi: da agosto prossimo saranno considerati RAEE ...
Leggi Tutto

“Graffiti”, a Palermo workshop di fotografia con gli spagnoli Riccardo Cases e Antonio Xoubanova

Workshop di fotografia a Palazzo Sambuca, a Palermo, con i fotografi spagnoli, di fama internazionale, Riccardo Cases e Antonio Xoubanova. L'evento, dal nome "Graffiti", rientra all'interno della rassegna Outer Circle, che si svolgerà per tutto il periodo della Biennale negli spazi di ...
Leggi Tutto
Il futuro della Sicilia sull'asse Palermo-Roma

Società a controllo pubblico, Armao: “Tema centrale nell’azione di governo”

Nell’ambito del convegno dal titolo -Le società a Controllo Pubblico- che si terrà nell’intera giornata di oggi e di domani a Villa Malfitano a Palermo, nella sessione pomeridiana odierna, con inizio alle ore 14.30, interverrà il Vice Presidente della Regione ...
Leggi Tutto

La Traccia, una spy story con venature esistenziali firmata Luciano Zaami

Perché un antiquario italiano vuole contattare il capo carismatico della resistenza al regime dittatoriale di una capitale europea? Per scoprirlo bisognerà seguire... La Traccia (o quanto meno bisognerà leggerla), il terzo romanzo di Luciano Zaami, scrittore nisseno oggi trapiantato a ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest