Crisi trasporto pubblico locale, sindacati a Falcone: “Coinvolti più di 10 mila lavoratori”

La crisi attanaglia il trasporto pubblico locale in Sicilia e i sindacati scrivono al neoassessore al ramo Marco Falcone: “Da troppo tempo – si legge in una lettera unitaria rivolta al neo assessore regionale Infrastrutture e Trasporti dai segretari di Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti, Franco Spanò, Amedeo Benigno e Agostino Falanga – il settore del trasporto pubblico locale vive una persistente e gravissima crisi, prima di tutto legata ai finanziamenti, conseguenza delle scelte fatte con le diverse leggi finanziarie negli anni passati da parte del governo regionale e che hanno portato a tagli e riduzioni dei trasferimenti. Si tratta, anche, di una crisi che ha avuto pesanti e insopportabili ricadute sull’organizzazione dei servizi di trasporto nella nostra regione”.

Gli esponenti delle organizzazioni sindacali chiedendo un incontro urgente per la soluzione della vertenza: “La crisi riguarda l’intero settore del Tpl siciliano nelle diverse modalità del trasporto urbano, sub-urbano ed extraurbano, gommato, ferroviario, marittimo e aereo, aziende pubbliche (AST) e private. Coinvolge più di diecimila lavoratori e ha ripercussioni negative sulla qualità  della vita dei cittadini, pregiudicandone il loro diritto alla mobilità. Un aspetto importante – sottolineano i sindacati -, forse determinante, è rappresentato dall’approvazione tramite contratto di servizio del trasporto regionale su ferro, il cui iter ancora non è stato completato”.

I sindacati fanno presente l’emergenza che si sta determinando e aggiungono: “Non riteniamo più sopportabile questa situazione, siamo preoccupati che si possa verificare un ulteriore deterioramento dei servizi pubblici di trasporto con il licenziamento di migliaia di lavoratori e il completo abbandono della mobilità specialmente in alcune aree della Sicilia. Per questo – scrivono Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti  –  riteniamo che, dopo la recente approvazione del Piano Regionale dei Trasporti, siano necessari interventi attuativi per renderlo operativo con la programmazione , il riordino, la razionalizzazione e la regolazione di tutto il Tpl. Tutto ciò in un processo di liberalizzazione, di una sana competizione tra pubblico privato, d’integrazione dei servizi, dei vettori e di integrazione con le diverse modalità di trasporto, al fine di un rilancio del settore in Sicilia”.

Un balletto osé e il finale a sorpresa: tra moglie e marito…

A volte i proverbi sembrano dipingere la realtà. È proprio vero che tra moglie e marito non bisognerebbe mai mettere il dito, figurarsi qualche altra parte anatomica di certo più intrigante ma assai più pericolosa. La scena del video si ...
Leggi Tutto
squalo torturato e ucciso

VIDEO – Inutile crudeltà contro uno squalo, la denuncia di Mareamico, Wwf e Marevivo

Qualche giorno fa, lo scorso 14 agosto, la stampa ha segnalato la presenza di uno squalo a pochi metri dalla riva presso una spiaggia di Sciacca in località Tonnara. Successivamente si è saputo che lo squalo era stato allontanato ed ...
Leggi Tutto
Mario Basile, Cisl FP

Cisl Fp su minacce sindaco San Giuseppe Jato: “Atto gravissimo, che fa tornare indietro a un brutto passato”

"Le minacce al sindaco di San Giuseppe Jato, Rosario Agostaro, rappresentano un atto gravissimo che riporta indietro a un brutto passato". Lo afferma Mario Basile, responsabile del dipartimento area contrattuale Funzioni locali della Cisl Fp Palermo Trapani, che esprime piena ...
Leggi Tutto
Piloni viadotto Morandi, Agrigento

Viadotto Morandi Akragas, sindaco di Agrigento convoca riunione su ipotesi demolizione

L’ipotesi di procedere alla demolizione del viadotto Akragas sulla strada statale che collega il capoluogo agrigentino con Porto Empedocle sarà discussa il prossimo 7 settembre in una riunione convocata dal sindaco di Agrigento Calogero Firetto. Il viadotto fu costruito su ...
Leggi Tutto