Scuola laica o multireligiosa? Realtà e potenzialità

È “spuntata” su molti giornali la notizia che un dirigente scolastico ha diramato una circolare nella quale faceva presente che la normativa vigente non permette pratiche religiose all’interno della struttura scolastica e, contemporaneamente, con coerenza, ha tolto alcune statuette a carattere religioso, posizionate in vari posti, dentro la scuola.
Per altro sono rimasti in alcune aule i crocifissi che normalmente vengono forniti con gli arredi.
Vedrò di fare chiarezza sulle norme che disciplinano l’insegnamento della religione cattolica, risalendo al 1985, quando fu siglato il concordato tra la Chiesa cattolica e lo Stato italiano, seguito poi da alcune intese tra le diverse confessioni religiose (luterani, ebrei, battisti, avventizi, pentecostali, metodisti e valdesi) e, separatamente, con buddisti e testimoni di Geova.
La cosa chiara è che la scuola deve garantire a tutti coloro che la frequentano gli stessi diritti e che non devono esserci discriminazioni fra chi si avvale dell’insegnamento della religione cattolica e chi sceglie di non seguirlo.[Leggi tutto]

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto