Il Papa: “Da cambiare il Padre Nostro, non è Dio a indurci in tentazione”

“E non ci indurre in tentazione…”. Quante volte ci si è ritrovati a pronunciare questa frase durante la più famosa e diffusa delle preghiere cristiane, il Padre Nostro. Eppure secondo Papa Francesco la sua traduzione italiana non andrebbe bene, perché non sarebbe Dio a spingerci verso le tentazioni ma Satana.

È quanto emerso durante un’intervista al Santo Padre, intervenuto nella trasmissione condotta da don Marco Pozza, intitolata “Padre Nostro” e in onda su TV2000. Può Dio indurci alla tentazione? Ecco la risposta: “Questa è una traduzione non buona, anche i francesi hanno cambiato adesso il testo con una traduzione ‘Non mi lasci cadere nella tentazione’. Sono io a cadere, non è Lui che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto, un padre non fa questo, un padre aiuta ad alzarsi subito”.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto