Il Papa: “Da cambiare il Padre Nostro, non è Dio a indurci in tentazione”

“E non ci indurre in tentazione…”. Quante volte ci si è ritrovati a pronunciare questa frase durante la più famosa e diffusa delle preghiere cristiane, il Padre Nostro. Eppure secondo Papa Francesco la sua traduzione italiana non andrebbe bene, perché non sarebbe Dio a spingerci verso le tentazioni ma Satana.

È quanto emerso durante un’intervista al Santo Padre, intervenuto nella trasmissione condotta da don Marco Pozza, intitolata “Padre Nostro” e in onda su TV2000. Può Dio indurci alla tentazione? Ecco la risposta: “Questa è una traduzione non buona, anche i francesi hanno cambiato adesso il testo con una traduzione ‘Non mi lasci cadere nella tentazione’. Sono io a cadere, non è Lui che mi butta nella tentazione per poi vedere come sono caduto, un padre non fa questo, un padre aiuta ad alzarsi subito”.

Ancra Confcommercio: Subito micro aree ecologiche in Sicilia”

Dalle carte di credito con microchip ai bambolotti parlanti con cui giocano le bambine, dalle macchinine elettriche alle semplici prolunghe che tutti abbiamo in casa o ancora il piccolo telecomando per automazione, per fare alcuni esempi: da agosto prossimo saranno considerati RAEE ...
Leggi Tutto

“Graffiti”, a Palermo workshop di fotografia con gli spagnoli Riccardo Cases e Antonio Xoubanova

Workshop di fotografia a Palazzo Sambuca, a Palermo, con i fotografi spagnoli, di fama internazionale, Riccardo Cases e Antonio Xoubanova. L'evento, dal nome "Graffiti", rientra all'interno della rassegna Outer Circle, che si svolgerà per tutto il periodo della Biennale negli spazi di ...
Leggi Tutto
Il futuro della Sicilia sull'asse Palermo-Roma

Società a controllo pubblico, Armao: “Tema centrale nell’azione di governo”

Nell’ambito del convegno dal titolo -Le società a Controllo Pubblico- che si terrà nell’intera giornata di oggi e di domani a Villa Malfitano a Palermo, nella sessione pomeridiana odierna, con inizio alle ore 14.30, interverrà il Vice Presidente della Regione ...
Leggi Tutto

La Traccia, una spy story con venature esistenziali firmata Luciano Zaami

Perché un antiquario italiano vuole contattare il capo carismatico della resistenza al regime dittatoriale di una capitale europea? Per scoprirlo bisognerà seguire... La Traccia (o quanto meno bisognerà leggerla), il terzo romanzo di Luciano Zaami, scrittore nisseno oggi trapiantato a ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest