Maria Concetta Riina difende il marito su Facebook: “Vittima”. Ecco chi è Ciavarello

La vicenda per la quale Antonino Ciavarello, genero di Totò Riina, è stato arrestato in Puglia riguarda una truffa consumata a Termini Imerese nel 2009. A spiegarla, fornendo una propria versione dei fatti, è la moglie di Ciavarello, proprio Maria Concetta Riina, che ha pubblicato sul suo profilo Facebook un post in cui racconta la la storia, asserendo che sia il marito a essere stato vittima di un raggiro: “Visto che stanno già facendo varie ipotesi e contestazioni varie vi spiego cosa è successo – scrive primogenita del boss corleonese – Nel 2008/2009 migliaia di italiani sono stati coinvolti in una serie di truffe di falsi bonifici e riciclaggio degli stessi, mio marito è stato uno dei coinvolti, vittima dei truffatori che lo hanno usato per i loro sporchi affari”, continua il post.” Grazie ad un grande avvocato che non è andato a processo a difenderlo si è ritrovato con una condanna a sei mesi, giusto però è che sappiate la verità e ve ne mostrerò uno stralcio, i soldi ricevuti tramite bonifico non li ha tenuti per sé, inconsapevolmente è stato vittima dei truffatori, la prova che vi mostro sotto fa parte di un indagine dei ROS dei Carabinieri, dove si evince che mio marito i soldi ricevuti tramite bonifico li ha rigirati tramite western union come indicati dal truffatore. In mezzo a circa 6000 italiani – chiosa Maria Concetta Riina – l’unico condannato è mio marito”.

Ma chi è Civarello? Qualcosa la si può capire dando uno sguardo al suo profilo Facebook: “Sono un martire perseguitato dalla Procura di Palermo, ogni aiuto è ben gradito”. Questa la frase che Antonino Ciavarello ha pubblicato. Ma non è l’unica. Nell’immagine di copertina del suo profilo campeggia un aforisma attribuito nientepopodimeno che al Dalai Lama. Sempre sui social, qualche mese fa, a luglio, Ciavarello si rese protagonista di un duro attacco a Salvo Palazzolo, giornalista de La Repubblica Palermo. A commento di un link di un articolo del cronista aveva scritto: “Palazzolo aspetta e spera, tu e tutta la procura di Palermo che ti foraggia gli scoop prima che le cose accadono… E poi… IO non lancio tesi, io a differenza tua parlo per cose di cui sono certo e non come scrivi tu di ciò che i registi ti imboccano”.

Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto
Usb, manifestazione stop glifosato

Stop glifosato, tavolo di coordinamento all’Ars. Usb: “Stop pesticidi. Diritto alla sovranità alimentare”

Venerdì 11 gennaio alle ore 10:30 in Assemblea Regionale Siciliana, nella Sala Rossa “Pio La Torre”, il tavolo di coordinamento Stop glyphosate La Federazione del Sociale USB Catania, insieme agli altri firmatari del manifesto "StopGlifosato", parteciperà, presso  l'Assemblea regionale siciliana, ...
Leggi Tutto