La mafia e i giovani: “Spesso preferiamo voltare le spalle, pur condannandola”

Quando parliamo con un amico di un’altra città, inevitabilmente accade almeno una volta che si arrivi alla fatidica domanda: “Ma da voi quanto è potente la mafia?”. Prima di questo momento, però, viene sempre un rito di approccio fatto di timide battute sul tema per sondare le nostre reazioni. Noi, a quel punto, ci sentiamo in dovere di mostrarci autoironici e consapevoli allo stesso tempo. Accogliamo quindi lo scherzo, magari ingenuo, per mettere a proprio agio il nostro amico e gli lasciamo capire che può parlare senza timore, magari esagerando, ipotizzando di venire improvvisamente prelevato da Al Pacino per essere giustiziato a sangue freddo.
Ma la verità è che questa cautela mista a incertezza è tanto loro quanto nostra perché nemmeno noi abbiamo una percezione chiara di quello di cui stiamo parlando. La mafia per noi è qualcosa legata più alla nostra storia che alla nostra vita: fatta di date, personaggi ed eventi che sentiamo di dovere ricordare e non di elementi che coesistono con noi. Oggi non ci sono cortei contro la mafia e non si grida più “fuori la mafia dallo Stato”, questo certamente è anche dovuto a delle effettive trasformazioni che sono avvenute negli anni passati, ma è anche vero che la mafia la si combatte ancora oggi, perché ancora esiste. Quindi cosa è cambiato in realtà? Forse anche noi ci siamo abituati a immaginare una mafia soltanto hollywoodiana e non vederla sui notiziari, se non occasionalmente. Le imprese di vari attori ci ha portati a pensare che dopotutto la mafia non è più una minaccia come prima, o che comunque è relegata solo in certi quartieri. O forse non riusciamo a capire quanto ci tocchi perché, al contrario, la vediamo come una forza invisibile che si muove intorno a noi ma i cui poteri e obiettivi ci sono sconosciuti.
In ogni caso, se il nostro amico si sente rispondere qualcosa di incerto come “Certo non è un problema come lo era prima ma esiste ancora e va combattuta”, è perché i primi a non parlarne siamo noi, non più per paura ma per distanza e indifferenza, come se la mafia fosse qualcosa che non potremo mai veramente capire e vedere e alla quale preferiamo, seppur condannandola, voltare le spalle.

Family day "Cme semi leggeri", Arcigay

“Come semi leggeri”, all’Orto Botanico il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno

Si tiene all'Orto Botanico di Palermo domenica 26 agosto dalle 16 alle 19.30 il Family Day organizzato da Arcigay Palermo e Famiglie Arcobaleno. Inserito nel calendario del Palermo Pride 2018 e nell'ambito di Manifesta12, l'appuntamento per bimbi e genitori ha ...
Leggi Tutto
massimo verdastro

Palermo Pride, Massimo Verdastro celebra quarant’anni di teatro tra immagini, parole e visioni

Massimo Verdastro, attore e regista, celebra i quarant'anni di carriera insieme al Palermo Pride con due eventi che legano l'immaginario teatrale della parola alle immagini di scena. Sabato primo settembre alle 18.30 al Centro internazionale di fotografia dei Cantieri culturali ...
Leggi Tutto
Manlio Noto e Marco Pomar

Marco Pomar e Manlio Noto nel musicospettacolo 80ANSIA, al Mille e una notte

Una serata dedicata ai meravigliosi anni 80 con un musicospettacolo intitolato 80ansia. Protagonista il duo artistico Marco Pomar e Manlio Noto. Ah, gli anni ottanta! I favolosi anni ottanta, si diceva. Chissà poi perché. Forse perché eravamo giovani, alcuni adolescenti, ...
Leggi Tutto
squalo torturato e ucciso

VIDEO – Inutile crudeltà contro uno squalo, la denuncia di Mareamico, Wwf e Marevivo

Qualche giorno fa, lo scorso 14 agosto, la stampa ha segnalato la presenza di uno squalo a pochi metri dalla riva presso una spiaggia di Sciacca in località Tonnara. Successivamente si è saputo che lo squalo era stato allontanato ed ...
Leggi Tutto