La mafia e i giovani: “Spesso preferiamo voltare le spalle, pur condannandola”

Quando parliamo con un amico di un’altra città, inevitabilmente accade almeno una volta che si arrivi alla fatidica domanda: “Ma da voi quanto è potente la mafia?”. Prima di questo momento, però, viene sempre un rito di approccio fatto di timide battute sul tema per sondare le nostre reazioni. Noi, a quel punto, ci sentiamo in dovere di mostrarci autoironici e consapevoli allo stesso tempo. Accogliamo quindi lo scherzo, magari ingenuo, per mettere a proprio agio il nostro amico e gli lasciamo capire che può parlare senza timore, magari esagerando, ipotizzando di venire improvvisamente prelevato da Al Pacino per essere giustiziato a sangue freddo.
Ma la verità è che questa cautela mista a incertezza è tanto loro quanto nostra perché nemmeno noi abbiamo una percezione chiara di quello di cui stiamo parlando. La mafia per noi è qualcosa legata più alla nostra storia che alla nostra vita: fatta di date, personaggi ed eventi che sentiamo di dovere ricordare e non di elementi che coesistono con noi. Oggi non ci sono cortei contro la mafia e non si grida più “fuori la mafia dallo Stato”, questo certamente è anche dovuto a delle effettive trasformazioni che sono avvenute negli anni passati, ma è anche vero che la mafia la si combatte ancora oggi, perché ancora esiste. Quindi cosa è cambiato in realtà? Forse anche noi ci siamo abituati a immaginare una mafia soltanto hollywoodiana e non vederla sui notiziari, se non occasionalmente. Le imprese di vari attori ci ha portati a pensare che dopotutto la mafia non è più una minaccia come prima, o che comunque è relegata solo in certi quartieri. O forse non riusciamo a capire quanto ci tocchi perché, al contrario, la vediamo come una forza invisibile che si muove intorno a noi ma i cui poteri e obiettivi ci sono sconosciuti.
In ogni caso, se il nostro amico si sente rispondere qualcosa di incerto come “Certo non è un problema come lo era prima ma esiste ancora e va combattuta”, è perché i primi a non parlarne siamo noi, non più per paura ma per distanza e indifferenza, come se la mafia fosse qualcosa che non potremo mai veramente capire e vedere e alla quale preferiamo, seppur condannandola, voltare le spalle.

Jose Marano

Made in Sicily, la tecnologia Blockchain un’incredibile opportunità

La deputata Ars Jose Marano, firmataria di una proposta di legge sulla tracciabilità agroalimentare attraverso la Blockchain, martedì 13 novembre a Milano all’evento organizzato da Davide Casaleggio B2B sul futuro digitale del business tra aziende: come la Blockchain rivoluzionerà il ...
Leggi Tutto
Il Golfo di Mondello, Palermo

A Genova il convegno nazionale Unicom sul marketing della destinazione

I Travel Marketing Days, in programma a Genova dal 22 al 25 novembre, con l’organizzazione di Studiowiki e la direzione scientifica di Roberta Milanosono, un evento che ha come tema principale il marketing del turismo, ogni anno declinato su differenti ...
Leggi Tutto
FullTimeSubito incontra ministro Villarosa

Comitato lavoratori postali: “Felici per crescita Poste Italiane. Fondamentali impegno, professionalità e sacrifici dei lavoratori”


Nato in Sicilia a giugno dopo che azienda e sindacati hanno sottoscritto un discusso accordo sulle politiche attive del lavoro, il comitato "#FullTimeSubito per i lavoratori postali" è diventato promotore di un grande movimento di protesta che sta iniziando a ...
Leggi Tutto
cantieri

Tutti i cantieri edili siciliani, domani si fermeranno in memoria delle vittime del maltempo nell’Isola

Morte per incuria, per il mancato rispetto delle regole e per la lentezza nella messa in sicurezza del territorio. Cgil, Cisl e Uil: “Far partire subito i cantieri per la prevenzione del rischio idrogeologico e quelli per le infrastrutture siciliane” ...
Leggi Tutto