La mafia e i giovani: “Spesso preferiamo voltare le spalle, pur condannandola”

Quando parliamo con un amico di un’altra città, inevitabilmente accade almeno una volta che si arrivi alla fatidica domanda: “Ma da voi quanto è potente la mafia?”. Prima di questo momento, però, viene sempre un rito di approccio fatto di timide battute sul tema per sondare le nostre reazioni. Noi, a quel punto, ci sentiamo in dovere di mostrarci autoironici e consapevoli allo stesso tempo. Accogliamo quindi lo scherzo, magari ingenuo, per mettere a proprio agio il nostro amico e gli lasciamo capire che può parlare senza timore, magari esagerando, ipotizzando di venire improvvisamente prelevato da Al Pacino per essere giustiziato a sangue freddo.
Ma la verità è che questa cautela mista a incertezza è tanto loro quanto nostra perché nemmeno noi abbiamo una percezione chiara di quello di cui stiamo parlando. La mafia per noi è qualcosa legata più alla nostra storia che alla nostra vita: fatta di date, personaggi ed eventi che sentiamo di dovere ricordare e non di elementi che coesistono con noi. Oggi non ci sono cortei contro la mafia e non si grida più “fuori la mafia dallo Stato”, questo certamente è anche dovuto a delle effettive trasformazioni che sono avvenute negli anni passati, ma è anche vero che la mafia la si combatte ancora oggi, perché ancora esiste. Quindi cosa è cambiato in realtà? Forse anche noi ci siamo abituati a immaginare una mafia soltanto hollywoodiana e non vederla sui notiziari, se non occasionalmente. Le imprese di vari attori ci ha portati a pensare che dopotutto la mafia non è più una minaccia come prima, o che comunque è relegata solo in certi quartieri. O forse non riusciamo a capire quanto ci tocchi perché, al contrario, la vediamo come una forza invisibile che si muove intorno a noi ma i cui poteri e obiettivi ci sono sconosciuti.
In ogni caso, se il nostro amico si sente rispondere qualcosa di incerto come “Certo non è un problema come lo era prima ma esiste ancora e va combattuta”, è perché i primi a non parlarne siamo noi, non più per paura ma per distanza e indifferenza, come se la mafia fosse qualcosa che non potremo mai veramente capire e vedere e alla quale preferiamo, seppur condannandola, voltare le spalle.

graduatorie asili nido Palermo Un contributo pari a 500 mila euro che permetterà alle scuole paritarie, ai nidi d’infanzia pubblici o privati e alle scuole statali di avviare le sezioni primavera.

Asili Nido, approvate le graduatorie definitive per le iscrizioni dell’anno scolastico 2018/19

Il Dirigente del Servizio Attività comunali rivolte all'infanzia comunica che con Determinazione Dirigenziale n. 179 del 21.05.2018. pubblicata all'Albo Pretorio, sono state approvate le graduatorie definitive relative alle iscrizioni presso gli Asili Nido comunali per l’anno scolastico 2018/2019. Le suddette ...
Leggi Tutto
Dario Miceli

Al “Pala Don Bosco” il Memorial Dario Miceli, un torneo di pallavolo per ricordare il giornalista palermitano

Dario Miceli, giornalista palermitano e volto noto della Rai, era anche un apprezzato pallavolista. A un anno dalla sua prematura scomparsa, la famiglia e gli amici, insieme al mondo della pallavolo che Dario ha sempre frequentato, giocando nella serie A ...
Leggi Tutto
Palermo, bocciato piano industriale della Sispi. Figuccia (Udc): "Oltre al danno la beffa"

Palermo, bocciato piano industriale della Sispi. Figuccia (Udc): “Oltre al danno la beffa”

“Stamattina, a maggioranza, la Settima Commissione Consiliare ha dato parere negativo al piano industriale della Sispi, la società partecipata del Comune che gestisce la rete informatica di Palazzo delle Aquile”. Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale dell’Udc, che prosegue: “Anche ...
Leggi Tutto
Schiavo dell'ombra, olio su tela di Roberto Ferri

“Oscura luce”, il surrealismo di Roberto Ferri in 14 opere pittoriche in mostra allo Steri

"Oscura Luce", selezione di opere pittoriche di Roberto Ferri, esponente della figurazione contemporanea italiana, in mostra nella Sala delle Verifiche, polo espositivo del Sistema Museale di Ateneo (SiMuA) all’interno del Complesso Monumentale dello Steri, sede del Rettorato dell’Università degli Studi ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest