La mafia e i giovani: “Spesso preferiamo voltare le spalle, pur condannandola”

Quando parliamo con un amico di un’altra città, inevitabilmente accade almeno una volta che si arrivi alla fatidica domanda: “Ma da voi quanto è potente la mafia?”. Prima di questo momento, però, viene sempre un rito di approccio fatto di timide battute sul tema per sondare le nostre reazioni. Noi, a quel punto, ci sentiamo in dovere di mostrarci autoironici e consapevoli allo stesso tempo. Accogliamo quindi lo scherzo, magari ingenuo, per mettere a proprio agio il nostro amico e gli lasciamo capire che può parlare senza timore, magari esagerando, ipotizzando di venire improvvisamente prelevato da Al Pacino per essere giustiziato a sangue freddo.
Ma la verità è che questa cautela mista a incertezza è tanto loro quanto nostra perché nemmeno noi abbiamo una percezione chiara di quello di cui stiamo parlando. La mafia per noi è qualcosa legata più alla nostra storia che alla nostra vita: fatta di date, personaggi ed eventi che sentiamo di dovere ricordare e non di elementi che coesistono con noi. Oggi non ci sono cortei contro la mafia e non si grida più “fuori la mafia dallo Stato”, questo certamente è anche dovuto a delle effettive trasformazioni che sono avvenute negli anni passati, ma è anche vero che la mafia la si combatte ancora oggi, perché ancora esiste. Quindi cosa è cambiato in realtà? Forse anche noi ci siamo abituati a immaginare una mafia soltanto hollywoodiana e non vederla sui notiziari, se non occasionalmente. Le imprese di vari attori ci ha portati a pensare che dopotutto la mafia non è più una minaccia come prima, o che comunque è relegata solo in certi quartieri. O forse non riusciamo a capire quanto ci tocchi perché, al contrario, la vediamo come una forza invisibile che si muove intorno a noi ma i cui poteri e obiettivi ci sono sconosciuti.
In ogni caso, se il nostro amico si sente rispondere qualcosa di incerto come “Certo non è un problema come lo era prima ma esiste ancora e va combattuta”, è perché i primi a non parlarne siamo noi, non più per paura ma per distanza e indifferenza, come se la mafia fosse qualcosa che non potremo mai veramente capire e vedere e alla quale preferiamo, seppur condannandola, voltare le spalle.

Una lettera con minacce di morte è stata inviata ad Antonio Rubino dei Partigiani Pd: "I fiori li metteranno sulla tua cassa da morto

Pd Sicilia, Rubino: “Sbaglia chi lascia, vera resistenza è rimanere senza piegarsi”

"I Partigiani del PD non sono un'area né una corrente, sono un sentimento. In queste settimane ci hanno detto di tutto, ci hanno chiesto 'chi c'è dietro di noi': la risposta è che dietro di noi c'è il PD, la ...
Leggi Tutto
Premio Mario Petrina, Sabrina Redi e Totò Antibo

Antibo vince ancora: a Sabrina Redi il premio Petrina per il suo articolo sul mezzofondista siciliano

È Sabrina Redi la vincitrice della prima edizione del premio Mario Petrina, dedicato ai giovani appassionati di giornalismo sportivo di età compresa tra i 18 e i 30 anni, non ancora iscritti all’Albo professionale. “Corri Totò, fallo ancora nonostante tutto” ...
Leggi Tutto
A Palermo, "La voglia, la pazzia" workshop in canto italiano sulle note brasiliane all'Open Jazz con i maestri del progetto musicale "Brasil Fala Italiano"

“La voglia, la pazzia” workshop in canto italiano sulle note brasiliane all’Open Jazz

La voglia, la pazzia, un workshop culturale, creativo, storico, non un semplice laboratorio ma un modo emozionante di ritrovarsi e ascoltarsi attraverso un ponte che collega tutta la musica al jazz. È la musica brasiliana, l'arte dell'incontro e del ritmo che ...
Leggi Tutto
Dall'estero in Sicilia per amore: matrimonio sicilian style con l’evento Buy Wedding International questo weekend al Grand Hotel et Des Palmes

Matrimonio sicilian style, dall’estero in Sicilia per amore: la storia di Bram e Simone

Sono circa 60 mila le coppie di stranieri che scelgono l’Italia per celebrare il loro matrimonio, con un giro di affari che ruota attorno ai 386 milioni di euro. È questo uno dei motivi principali per cui Palermo dedica tre ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest