Bilancio Comune Palermo, Ferrandelli: “Avevo denunciato in campagna elettorale”

Fabrizio Ferrandelli prende posizione sulle notizie di stampa che hanno portato Palermo la Sicilia sotto la luce dei riflettori in questo periodo: “Dalla classifica di ItaliaOggi – scrive in un comunicato l’ex deputato regionale – è la Sicilia tutta a uscirne sconfitta, non solo Palermo. Fanalini di coda anche Trapani, Messina, Catania e Agrigento. L’immagine che emerge è quella di un profondo Sud sempre meno vivibile, che arranca e che non trova la forza per affrontare le proprie emergenze e rialzarsi”.

Il consigliere comunale e componente della commissione Bilancio del Comune di Palermo, entra poi a gamba tesa sulle vicende che stanno mettendo in imbarazzo l’amministrazione comunale di Palermo in questo periodo: “Le ispezioni del Ministero al Comune di Palermo – precisa – le indagini sui conti, la circolare del sindaco ai capi area per disimpegnare le spese e aumentare le imposte, le ammissioni dell’assessore al Bilancio sulla criticità a riscuotere e sull’elasticità di cassa ci preoccupano ma non ci sorprendono. Avevamo denunciato tali criticità già in campagna elettorale ed eravamo, già allora, consapevoli del quadro che avremmo dovuto affrontare. A lungo ci stiamo interrogando – continua Ferrandelli – io per primo che ho sfidato il sindaco e la scorsa amministrazione, sull’atteggiamento da tenere: se quello di Nerone che brucia tutto dicendo di avere ragione o quello di chi vedendo le falle in una barca che affonda prova a coprirle e continua a remare pur di arrivare in porto”.

“Oggi serve un atteggiamento serio e maturo di tutte le forze politiche che ci consenta di stringere un patto per la città per aiutarla a uscire dalla crisi. Altrimenti nessuno si potrà dire vincitore e vinto – dichiara – ma da palermitani saremo tutti perdenti. Oggi, in Conferenza dei Capigruppo, alle 12, chiederò la presenza del sindaco in aula per fare chiarezza – conclude Ferrandelli – non può essere affrontato nessun altro atto in aula, se non facciamo prima il punto e decidiamo come venirne fuori”.


Widget not in any sidebars