L’esercizio fisico aiuta la memoria ad alta frequenza

Praticare intensa attività fisica per circa venti minuti al giorno porterebbe, già nell’arco di 6 settimane, ad un aumento della cosiddetta memoria ad alta frequenza.

Secondo quanto riportato dalla ricerca pubblicata sul Journal of Cognitive Neuroscience, gli studiosi hanno preso in considerazione 95 adulti che, per sei settimane, hanno intrapreso attività fisica alternata ad un allenamento celebrale o semplice sedentarietà. I risultati hanno mostrato un aumento dell’attività celebrale.

Coloro che sperimentano questo effetto benefico hanno avuto anche miglioramenti nel produrre la proteina neurotrofica celebrale, elemento in grado di contrastare il decadimento delle cellule celebrali che subentra con l’avanzare dell’età.

Adesso gli studiosi si stanno concentrando sugli anziani in quanto, a detta della ricercatrice Jennifer J. Heisz, “su di loro si osserveranno maggiori benefici, dato che questo tipo di memoria diminuisce con l’età”.