Palermo, evade dai domiciliari e minaccia di morte un parente: arrestato

Un pregiudicato palermitano di 45 anni, Giuseppe Triolo, è stato arrestato dalla polizia perché evaso dai domiciliari. L’uomo non ha fatto molto per non attirare l’attenzione delle forze dell’ordine: mentre, infatti, si trovava in via Centuripe, a Palermo, stava minacciando di morte un’altra persona, un residente della zona. Gli agenti hanno, in effetti, registrato la presenza di un uomo corrispondente alle descrizioni ricevute, fermo davanti ad uno scooter e quindi hanno avviato le pratiche di identificazione. Dopo avere accertato che Triolo si dovesse trovare a casa perché sottoposto alla misura degli arresti domiciliari, gli agenti hanno provveduto al suo arresto.

I poliziotti hanno scongiurato che la situazione degenerasse: come appreso da numerosi familiari del Triolo, lo stesso era giunto in via Centuripe dinanzi l’abitazione di un congiunto per vendicare un “affronto” subito pochi minuti prima durante una accesa discussione familiare; non riuscendo ad entrare in contatto con il congiunto, Triolo era rimasto in attesa sotto la casa del parente. L’uomo è stato trovato in possesso di un cacciavite e di un coltello da cucina e continuava a proferire minacce di morte all’indirizzo del parente anche in presenza degli agenti. L’arresto è stato convalidato dall’Autorità giudiziaria.