Agro-omeopatia: curare le piante senza prodotti chimici

L’agro-omeopatia arriva anche a Palermo, grazie a un seminario tenuto dalla professoressa Lucietta Betti del Dipartimento di Scienze Agrarie dell’Università di Bologna, che si è tenuto nell’aula magna del Dipartimento di Scienze Agrarie palermitano. Il seminario ha anticipato l’arrivo in Sicilia di Radko Tichavsky, vero e proprio guru dell’agro-omeopatia, che terrà due corsi nei prossimi weekend nella provincia di Palermo e di Catania

La professoressa Betti ha presentato i risultati raccolti in oltre 25 anni di ricerca e sperimentazione. L’agro-omeopatia vede applicati i principi dell’omeopatia a piante e colture. Accolta inizialmente con scetticismo, inizia a raccogliere consensi di fronte all’evidenza scientifica di molti studi. Sembra, infatti, che possa dare maggiore resistenza alla piante, permettendo di non impiegare prodotti chimici.

“Negli ultimi anni sono aumentate le malattie dovute a una errata alimentazione”, spiega l’omeopata Giorgio Ciaccio. “L’agro-omeopatia promette di migliorare la coltivazione delle piante per l’alimentazione umana“.

Sull’argomento è nata anche la pagina Facebook La rivoluzione in un chicco.


Widget not in any sidebars