Si commuovono in 200mila per quest’appello. Che in realtà è un porno

 

Chiunque navighi sui social si imbatte ogni giorno in appelli strappalacrime. Alcuni saranno pure reali ma spesso sono fake che speculano sulla sensibilità degli utenti. Il caso più famoso è quello del post circolato a lungo su Facebook in lingua spagnola. Nel post si vede la foto di una donna disperata al capezzale di un uomo. Il pianto disperato di questa foto è accompagnato da una richiesta d’aiuto, l’ultima speranza: “Mio fratello sta morendo in ospedale a causa di un cancro. Per aiutarlo commentate con un “amen” e mettete mi piace a questo post. Dio può fare qualsiasi cosa“. In poche ore la foto ha accumulato oltre 500 mila like e circa 210 mila commenti, quasi tutti composti da semplici ‘Amen’ o da preghiere più articolate. Peccato che la storia fosse una bufala, una montatura bella e buona perché in realtà l’immagine era la scena iniziale di un film porno ambientato in un ospedale con protagoniste infermiere disinibite.

Pin It on Pinterest