Palermo, operazione antimafia al Borgo Vecchio: 17 in manette

Operazione antimafia questa mattina nel quartiere Borgo Vecchio a Palermo. I Carabinieri hanno eseguito un provvedimento restrittivo emesso dal Gip nei confronti di 17 indagati, ritenuti a vario titolo responsabili di associazione mafiosa, estorsione, tentato omicidio, rapina, illecita detenzione di armi e munizione e fittizia intestazione di beni.

Le indagini che hanno portato agli arresti, prosecuzione di pregresse operazioni condotte nei confronti del mandamento di Porta Nuova, hanno permesso la disarticolazione dell’attuale organigramma della famiglia mafiosa di Borgo Vecchio, individuandone gli assetti e le relative dinamiche attraverso le numerose attività di intercettazioni audio/video ed il contributo di due collaboratori di giustizia, ex esponenti apicali del clan.

In particolare, grazie al rinvenimento del “libro mastro” e l’acquisizione di numerose prove, sono state ricostruite 14 estorsioni ai danni di imprenditori e commercianti di Borgo Vecchio, costretti a versare somme di denaro per evitare ritorsioni che, in alcuni casi, sono avvenute e sono state documentate dai militari. I commercianti sono stati sentiti e hanno confermato le imposizioni di cosa nostra.

I Carabinieri hanno sequestrato alcune attività commerciali riconducibili al clan, intesta a prestanome e avviate grazia al riciclaggio di denaro sporco.

Le indagini hanno anche rilevato i responsabili di una sparatoria avvenuta nella piazza centrale del quartiere la sera del 4 marzo del 2015: nella circostanza due frazioni del clan, i Tantillo e i componenti della famiglia di Francesco Russo, che dal 2006 al 2008 aveva retto il clan e voleva riprenderne le redini, si erano affrontate esplodendo numerosi colpi d’arma da fuoco. Individuati anche i responsabili di una rapina avvenuta il 26 giugno del 2011, nella quale la vittima era stata pure ferita da un proiettile. Un reato che non era stato “autorizzato” da cosa nostra e per il quale gli autori furono poi aggrediti da esponenti del mandamento di Porta Nuova e di Borgo Vecchio.

Sono finiti in manette, Elio Ganci, che sarebbe subentrato ai fratelli Tantillo alla guida del clan di Borgo Vecchio,Fabio Bonanno, Domenico Canfarotta, Cristian Cinà, Domenico Consiglio, Salvatore e Marcello D’Amico, Giuseppe la Malfa, Nunzio La Torre, Gianluca Lo Coco, Luigi Miceli, Salvatore e Francesco Russo, Antonino Siragusa, Massimiliano Tabbita, Mimmo Tantillo e Domenico Tarallo.

Nel corso degli anni cosa nostra ha mutato pelle e diversificato i propri affari”, ha dichiarato il Colonnello Antonio Di Stasio, Comandante provinciale dei Carabinieri di Palermo. “Continua ad essere colpita duramente con l’attività repressiva delle Forze dell’Ordine e della Magistratura ed oggi appare indebolita, ma sempre viva, ed impegnata, anche attraverso il pizzo, nella ricerca quotidiana e ossessiva di denaro”. “Da un’analisi storica del fenomeno estorsivo – continua il Colonnello – emerge come, in un territorio sottoposto ad un clima di intimidazione diffusa, dove la vittima, anche solo dietro una minaccia verbale, percependo rischi e conseguenze per sé e per propri i familiari, si sente costretta a cedere, la criminalità organizzata riesca nel tempo ad imporre il pizzo”.

Di Stasio conclude citando Borsellino: “A noi tutti cittadini di questa stupenda terra, ai commercianti e agli imprenditori, i quali hanno interpretato le gesta e le parole del Giudice Paolo Borsellino “è normale che esista la paura in ogni uomo, l’importante è che sia accompagnata dal coraggio”, esprimo la mia gratitudine per essersi affidati allo Stato, continuando a denunciare gli estortori”.

lettera a babbo natale

Poste Italiani ai bambini, ancora due giorni per scrivere a Babbo Natale e ricevere una sorpresa

Tutti i bambini che scriveranno la loro letterina riceveranno una sorpresa e l’invito a scaricare un app per giocare con disegni e lettere animate  Anche quest’anno torna la “Posta di Babbo Natale” la tradizionale iniziativa di Poste Italiane dedicata ai ...
Leggi Tutto
Sabrina Figuccia e Leoluca Orlando

Sabrina Figuccia: “Almaviva, il Comune di Palermo mantenga gli impegni con i lavoratori ex Lsu”

"Dopo la grande disponibilità a parole manifestata nella campagna elettorale delle amministrative del 2017, adesso il Comune si tira indietro" "Senza risposta l’appello lanciato da alcuni lavoratori ex Lsu che sono transitati in Almaviva e che adesso, grazie anche alle ...
Leggi Tutto
Rosario Mingoia

Mingoia eletto segretario generale in Uilca Unicredit Banca

Rosario Mingoia, giovane dirigente sindacale siciliano della Uilca, originario di Mussomeli (Cl), è stato eletto segretario generale della Uilca Unicredit Banca e segretario generale aggiunto del coordinamento in Unicredit Group, a conclusione dell'assemblea congressuale della Uilca, gruppo Unicredit, svoltasi a ...
Leggi Tutto
Comune di Palermo

Cisl su precari Comune di Palermo, stabilizzazione solo annunciata, nessuna certezza per i lavoratori

“In un contesto normativo e politico che favorisce finalmente l’uscita definitiva del precariato - affermano Lo Gelfo e Chiaramonte per la Cisl - si continua a rimandare la soluzione del problema”. “L’unica certezza è che l’amministrazione concederà la proroga a ...
Leggi Tutto