Ars, ecco come appatta la Settanta a Sala d’Ercole

Calati tutti gli assi nelle liste per la corsa all’Ars, per partiti e coalizioni è arrivato il momento di fare la conta dei seggi assegnati e fare appattare la settanta a Sala d’Ercole. Il risultato dell’elezione della prima Assemblea regionale siciliana composta da 70 deputati – fino a oggi erano 90 – regala a Nello Musumeci una maggioranza relativa – sebbene risicata – che alla vigilia delle elezioni non era preventivata. Tutto questo si è verificato anche grazie al risultato non certo esaltante delle liste di centrosinistra, che non hanno sfondato, mentre il Movimento 5 stelle è il primo partito in Sicilia. Della truppa che sosterrà l’ex presidente della Provincia di Catania faranno parte, ovviamente, i sette deputati regionali eletti nel listino a sostegno del candidato. Ricordiamo i loro nomi: oltre a quello di Musumeci stesso figurano Gianfranco Miccichè e Bernadette Grasso di Forza Italia, Roberto Di Mauro dei Popolari e autonomisti, Giusy Savarino per Diventerà bellissima, Mimmo Turano dell’Udc ed Elvira Amata di Fratelli d’Italia.

Per quel che riguarda la maggioranza che sosterrà Musumeci a Sala d’Ercole, Forza Italia porta in aula 12 deputati: Riccardo Gallo Afflitto, Michele Mancuso, Marco Falcone, Alfio Papale, Luigi Genovese, Tommaso Calderone, Giuseppe Milazzo, Riccardo Savona, Marianna Caronia, Orazio Ragusa, Rossana Cannata e Stefano Pellegrino. Per Diventerà bellissima entrano a Sala d’Ercole Alessandro Aricò, Giorgio Assenza, Giuseppe Zitelli e Giuseppe Galluzzo. L’Udc porta all’Ars Margherita La Rocca Ruvolo, Giovanni Bulla, Cateno De Luca, Vincenzo Figuccia ed Eleonora Lo Curto. Per salviniani e Fratelli d’Italia, eletti Gaetano Galvagno, Antonio Catalfamo e Tony Rizzotto. L’ex rettore dell’Università di Palermo Roberto Lagalla, Toto Cordaro, Carmelo Pullara, Giuseppe Compagnone e Pippo Gennuso rappresenteranno la truppa dei Popolari e autonomisti-Idea Sicilia.

Il Movimento 5 stelle, prima lista per numero di voti, porta a Sala d’Ercole una truppa di venti deputati regionali: oltre al candidato alla Presidenza della Regione, che entra di diritto come secondo dei candidati alla poltrona di Palazzo d’Orleans, Giancarlo Cancelleri, eletti anche Giampiero Trizzino, Salvatore Siragusa, Luigi Sunseri, Roberta Schillaci, Angela Foti, Gianina Ciancio, Gaetano Nicolosi, Cristiano Anastasi, Matteo Mangiacavallo, Giovanni Di Caro, Nunzio Di Paola, Elena Pagana, Valentina Zafarana, Antonino De Luca, Stefania Campo, Stefano Zito, Giorgio Pasqua, Sergio Tancredi e Valentina Palmeri.

Per le liste che sostenevano la candidatura di Fabrizio Micari, la rappresentanza più consistente è quella del Pd con 11 deputati. Si tratta di Michele Catanzaro, Giuseppe Arancio, Luca Sammartino, Anthony Barbagallo, Luisa Lantieri, Franco De Domenico, Giuseppe Lupo, Antonello Cracolici, Nello Dipasquale, Giovanni Cafeo e Baldo Gucciardi. Sicilia Futura porta a Sala d’Ercole Nicola d’Agostino ed Edy Tamajo.

Torna all’ars anche la sinistra ‘a sinistra’ del Pd: la lista Cento Passi elegge un rappresentante, proprio il candidato alla presidenza della Regione, che correva anche per l’Ars, Claudio Fava.