La Sicilia e il governo delle panelle: la sfida golosa

Il patto della crostata, i cannoli di Cuffaro, l’alleanza degli arancini, o meglio, delle arancine, il governo delle panelle, la giunta dei cazzilli. In Sicilia avremo il cuoco Cracco premier? Con Ninu u Ballerino e Tanu u Vastiddaru quali ideologhi, ahimè non sempre presenti?

Secondo gli ultimi sondaggi proponibili, purtroppo vecchi di due settimane perché troppo spesso utilizzati come arma da campagna elettorale, la Sicilia si avvia a non avere nessuna maggioranza.
Tranne se uno dei contendenti riesca a racimolare almeno il 40% dei voti. Il che, comunque, non assicurerebbe una maggioranza stabile perché all’interno delle coalizioni, soprattutto quella data per vincente, ci si litiga prima ancora di andare a votare. Costringendo qualdirsivoglia vincitore a “lavorare” in una friggitoria di gastronomici esperimenti politici senza fine né scopo.
Abbiamo già detto, il perché e il percome questa sciagurata legge elettorale siciliana non permetta facilmente la formazione di maggioranze stabili. Ma nel gastronomico panorama politico siciliano il punto non è solo questo.
La Sicilia, turrunara e panellara per vocazione, può persino essere terra di facile conquista, ma non è terra di facile gestione. Tantomeno è terra che accetti progresso e risorse umane qualificate. Tutt’altro. Chi vale, chi sa, chi è ben istruito, chi vuol far qualcosa che non siano cannoli e panelle, è cortesemente invitato, con le buone o con le cattive, ad andarsene fuori della Sicilia.

Ciò che i siciliani in partenza lasciano è un mondo dove se sai e fai sei considerato male nella migliore delle ipotesi.

Ammesso, e non concesso, che un buon numero di siciliani emigrati, di successo, capaci, tornasse e fosse persino accettato dalla classe dirigente e dalla società siciliana, cosa troverebbe? Un ambiente economico, politico, sociale adatto a fare impresa e sviluppo? Infrastrutture e risorse umane adeguate alle sfide dell’oggi e del domani? Patate. Anzi, panelle. [Leggi tutto]

Ponte sullo Stretto, Di Battista: “Berlusconi manda messaggio chiaro alla mafia”

''Berlusconi quando parla di Ponte sullo Stretto sta mandando un messaggio chiaro alla mafia. Qui il problema sono le strade, le ferrovie e le autostrade. La Sicilia l'ho girata la scorsa estate e i problemi sono altri''. Lo ha detto a Messina, ...
Leggi Tutto
Roberto Lagalla

Formazione, Assessorato firma protocollo per la legalità. Lagalla: “Opportunità educativa”

È stato stipulato un protocollo d’intesa tra l’Assessorato all’Istruzione e alla Formazione professionale e il “Pool antiviolenza e per la legalità dell’Inner Wheel Palermo Normanna”, ONG inserita nell’ECOSOC ROSTER, che esprime quattro rappresentanti all’ONU. L’obiettivo è quello di cooperare per la promozione ...
Leggi Tutto
due denunciati per furto energia grazie a Padre Pio

Energia, bollette insolute per un miliardo di euro. Adiconsum: “Tutelare chi è in regola”

Sembra ammontare a un miliardo di euro l'ammontare delle bollette dell'energia elettrica insolute in tutto il territorio nazionale. "Ciò che preoccupa, adesso, è che per far fronte alla crisi dei fornitori, sembrerebbe che la giustizia amministrativa abbia ipotizzato che per ...
Leggi Tutto
“Matrimonio sicilian style”, venerdì al via il Buy Wedding

“Matrimonio sicilian style”, venerdì al via il Buy Wedding

Prenderà il via venerdì 23 febbraio, alle ore 16,30, la borsa internazionale dei matrimoni in Sicilia. Tre giorni dedicati al mondo del wedding in Sicilia con 25 buyers esteri che per la prima volta saranno a Palermo, fino a domenica ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest