Elezioni, la fake news per i siciliani

“Sono state trovate ben 500mila schede elettorali compilate con il nome del candidato Monsumeli, le schede erano talmente tante che per contarle sono intervenuti diversi impiegati dell’ufficio elettorale. A trovare le schede è stato Gianfranco, un operaio di 44 anni che si stava recando a casa dopo la sua giornata di lavoro”. Le fake news non risparmiano nemmeno le elezioni regionali. Qualche burlone, infatti, sul sito www.sky24ore.it (improbabile crasi tra skytg24 e ilsole24ore) si è divertito a pubblicare la panzana secondo cui il candidato (inesistente) Monsumeli (nome con altrettanto improbabili allitterazioni) avrebbe avuto ben 500mila schede già pronte per essere eletto (praticamente un plebiscito, visto che i ras delle preferenze, quelli veri, arrivano a prenderne solitamente meno di un decimo del totale).

Il bello è che a denunciare il fatto sarebbe stato tal Gianfranco, un nome subdolamente messo lì per invogliare le sinapsi a costruire implicazioni traditrici, in barba alla libertà di esercizio del proprio voto. “Ci racconta ‘quasi non ci credo – riporta il sito -, stavo rientrando a casa quando ho visto li per terra un pacco trasparente pieno di schede elettorali, credevo fossero state smarrite e andassero consegnate alle varie sezioni per le operazioni di voto di domani così ho chiamato i vigili per comunicarlo, ma mentre li aspettavo ho dato una sbirciatina e ho visto che le schede erano già tutte segnate con il nome del candidato Monsumeli, è uno schifo, la Sicilia non cambierà mai'”, si legge ancora.

Ma ecco che alla fine dell’articolo si legge una puntualizzazione, quasi una excusatio non petita, la discolpa preventiva, rifugio di chi vuole giocare d’azzardo senza azzardare: “ULTIMO AGGIORNAMENTO – si legge urlato a lettere cubitali –  Gli inquirenti hanno svelato il mistero delle 500mila schede trovate abbandonate. Appartengono al signor Guido Monsumeli, impiegato di una tipografia. Raggiunto dai giornalisti ha spiegato cosa è successo: ‘Mi sono ritrovato un fac-simile delle elezioni regionali e per gioco volevo farne una in cui mettere il mio nome. L’avrei incorniciata e appesa nella parete della mia stanza. Al momento di fare la fotocopia è successo qualcosa, non so, si sarà inceppata la fotocopiatrice e sono uscite fuori 500.000 schede. Non sapevo che farmene e le ho abbandonate. Chiedo scusa per quanto successo’. Ecco risolto il dubbio. Ora si capisce anche il perché nelle schede ci fosse il nome di Monsumeli, che come è noto non risulta essere il candidato di alcuna lista”, si legge sul sito.

Insomma, elettori, occhi aperti e orecchie tese, evitate le notizie false affinché anche il vostro voto non sia un fake.

Giusi Diana

Public lecture con Giusi Diana: “Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design”, anteprima di I-design ai Cantieri culturali

Evento dedicato ad Atelier Biagetti, il duo milanese formato dall'artista Laura Baldassari e dal designer Alberto Biagetti. "Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design" è il titolo della public lecture con Giusi Diana, critica e storica ...
Leggi Tutto
Minchia, installazione luminosa

L’arte della “minchia” in Manifesta non convince tutti. Chiesto al sindaco Orlando chi paga, quanto costa e in che modo venga promossa l’immagine di Palermo

Sabrina Figuccia: “Manifesta” sdogana la minc…”. Ma quanto pagano i palermitani per queste follie artistiche?  Arte o, al limite, semplice goliardia? Figuccia non ci sta e chiede conto e ragione a Leoluca Orlando, per avere associato la parola minchia a ...
Leggi Tutto
"Alla deriva", di Duccio Facchini

“Alla deriva. I migranti, le rotte del Mar Mediterraneo, le Ong”. Camera dei Deputati, presentazione del libro di Duccio Facchini

Mercoledì 19 settembre 2018 alle ore 16 presso la sala conferenza stampa della Camera dei Deputati, presentazione del libro "Alla deriva. I migranti, le rotte del Mar Mediterraneo, le Ong: il naufragio della politica, che nega i diritti per fabbricare ...
Leggi Tutto
Viviana&Serena, "Volevo un gatto nero"

Volevo un gatto nero, ovvero i patti si rispettano…

Può una canzone dello Zecchino d'Oro trasformarsi in una operetta bonsai? Può l'accorato appello di una bambina a rispettare i patti diventare un'operina alla Roberto De Simone? La storia dei nostri giorni ha per protagoniste Viviana&Serena, duo intrigante che interpreta ...
Leggi Tutto