Ecco per chi vuoterò alle elezioni regionali in Sicilia

No, non è un refuso. Ho scritto vuoterò e volevo scrivere vuoterò. Io andrò a votare. L’ho già detto. Per quanto accasciato sui terribili destini recessivi del Paese, per parafrasare Leopardi, domenica mattina me ne andrò al seggio con Diego e voteremo. Non so cosa voterà lui.

Ma il bello è che, a 48 ore dal voto, non lo so nemmeno io. Non ancora. Ma a votare ci vado perché ogni volta che ci sono elezioni penso a quella prima volta che votai, a come mi sentivo bene, a come mi sentivo importante.

Allora non vedevo l’ora di andare a votare perché ero convinto che ogni volta ce l’avremmo fatta, che le cose sarebbero finalmente cambiate, che questo Paese avrebbe finalmente premiato i migliori. O, almeno, quelli che per me erano i migliori.

Adesso lo sapete che mi succede? Quando mi chiamano per votare (qualsiasi cosa, compresi condominio e referendum), mi scappa un pensiero: chi camurria! E mi dispiace perché mi pare un pensiero qualunquista e io non mi sento tale. Mi spingono nella cabina e mi ritrovo lì dentro con tanta voglia non più di votare ma di vuotare il sacco, di scrivere inutile parole di rabbia. La mia voce si è fatta sempre più tenue, sempre più indistinta, sempre meno ascoltata. Non perché io sia chissà quale guru. Parlo della mia voce come quella di milioni di persone che vivono qui e che quella voce non sanno più a chi affidarla.

Il mio problema non è quello di trovare cosa dire di male delle forze in campo, ma la tristezza di non riuscire a trovare come dire bene di qualcuna di esse. Ma così vince il meno peggio, il più precario, il più incerto, il più brevilineo. Io sono cresciuto con Berlinguer, con Moro, con Altiero Spinelli, con Nilde Iotti, con Tina Anselmi, con Romano Prodi. Ne basta un quarto di uno solo di questi per fare ombra sull’intero allevamento del vertice (vortice) politico italiano. [Leggi tutto]

Genio di Palermo, al via il concorso fotografico per celebrarlo

Dopo la celebrazione della "Giornata del Genio di Palermo", svoltasi venerdì scorso a Palazzo delle Aquile, in coincidenza con l'anniversario dei moti del 12 gennaio 1848, prende il via un'altra iniziativa promossa dall'Amministrazione comunale per celebrare il nume laico della ...
Leggi Tutto
Marco Pomar, vice presidente della Waterpolo Palermo, replica al M5S: "Senza le società sportive la piscina comunale sarebbe chiusa da anni"

Piscina comunale chiusa nel pomeriggio, manca assistenza ai bagnanti

"Ci scusiamo per il disagio" è ormai una frase ricorrente per gli utenti della piscina comunale. Anche oggi, 15 gennaio 2018, all'ingresso dell'impianto è stato affisso l'ennesimo cartello che annuncia la chiusura nel pomeriggio, nell'orario tra le 13 e le ...
Leggi Tutto
Crescendo, quinta edizione del concorso per giovani talenti della musica

Crescendo, quinta edizione del concorso per giovani talenti della musica

Crescendo, il concorso nazionale per giovani talenti della musica nato nel 2014 e organizzato ogni anno dalla Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, giunge alla sua quinta edizione. Una grande opportunità di visibilità per chi vuole cimentarsi in repertori che spaziano dal ...
Leggi Tutto
Vittorio Sgarbi

Sgarbi: “Reggia di Caserta utilizzata per matrimoni o feste? In passato regge, ville e palazzi servivano proprio a questo”

Hanno suscitato polemiche le nozze da record festeggiate qualche giorno fa con un ricevimento alla Reggia di Caserta, la residenza reale più grande al mondo, dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità. La splendida reggia che Carlo di Borbone re di Napoli commissionò ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest