Antonio Venturino, vicepresidente Ars, nominato coordinatore rete Club PSE in Italia

Libertà, uguaglianza, giustizia sociale, per fare la buona società laica, di liberi ed uguali. E’ la parola d’ordine con cui socialisti, socialdemocratici, laburisti e progressisti, riuniti nel Partito Socialista Europeo, lanciano la sfida culturale e politica alle forze conservatrici europee e alle forze nazional-populiste, come le Front National, della francese Marine Le Pen. In Italia questo fenomeno prende i nomi di Salvini, Meloni, Di Maio, assumendo connotazioni preoccupanti per la tenuta delle istituzioni democratiche e per la salvaguardia delle conquiste sociali acquisite nei settant’anni che hanno seguito l’adozione della Costituzione repubblicana. Per queste ragioni, a partire dal nostro Paese, è indispensabile costituire un fronte di demarcazione, comune tra tutte quelle forze di natura progressista e riformista che sono accomunate dai valori del socialismo democratico europeo. È necessario ricostituire luoghi reali in cui la progettualità che accomuna queste diverse anime abbia la possibilità di confrontarsi e sperimentare percorsi ed iniziative comuni, tese a fronteggiare il degrado della discussione politica e della distanza dagli interessi reali dei cittadini, dei lavoratori e delle categorie più deboli.

L’avvio della fase organizzativa dei “Club PSE”, affidata per l’Italia ad Antonio Venturino, vice presidente vicario dell’Assemblea regionale siciliana, è frutto di questa riflessione da parte dei vertici socialisti. Partire proprio dalla Sicilia, dove l’involuzione del quadro politico sta generando effetti preoccupanti, è la concretizzazione di una presa di coscienza riguardo la necessità di riaprire canali di comunicazione e di partecipazione che prescindono dall’essere iscritti o meno ad una forza politica o a un partito. Si tratta di una “trappola” ideologica che, invece di valorizzare differenze e diversi punti di vista, ha generato divisioni che nell’isola hanno assunto la forma del dualismo Micari-Fava e i cui effetti a livello nazionale prefigurano scenari altrettanto preoccupanti per le forze progressiste e riformiste.
“Sono onorato ed orgoglioso dell’incarico che mi è stato affidato – afferma Antonio Venturino – e già dalla prossima settimana avvierò contatti e incontri per costituire in Sicilia prima e quindi nel Meridione d’Italia, dove le spinte populiste sono più forti, i primi Club PSE aperti a tutti colori che hanno una visione più europea dell’appartenenza politica e del nostro futuro”.

Genio di Palermo, al via il concorso fotografico per celebrarlo

Dopo la celebrazione della "Giornata del Genio di Palermo", svoltasi venerdì scorso a Palazzo delle Aquile, in coincidenza con l'anniversario dei moti del 12 gennaio 1848, prende il via un'altra iniziativa promossa dall'Amministrazione comunale per celebrare il nume laico della ...
Leggi Tutto
Marco Pomar, vice presidente della Waterpolo Palermo, replica al M5S: "Senza le società sportive la piscina comunale sarebbe chiusa da anni"

Piscina comunale chiusa nel pomeriggio, manca assistenza ai bagnanti

"Ci scusiamo per il disagio" è ormai una frase ricorrente per gli utenti della piscina comunale. Anche oggi, 15 gennaio 2018, all'ingresso dell'impianto è stato affisso l'ennesimo cartello che annuncia la chiusura nel pomeriggio, nell'orario tra le 13 e le ...
Leggi Tutto
Crescendo, quinta edizione del concorso per giovani talenti della musica

Crescendo, quinta edizione del concorso per giovani talenti della musica

Crescendo, il concorso nazionale per giovani talenti della musica nato nel 2014 e organizzato ogni anno dalla Fondazione Orchestra Sinfonica Siciliana, giunge alla sua quinta edizione. Una grande opportunità di visibilità per chi vuole cimentarsi in repertori che spaziano dal ...
Leggi Tutto
Vittorio Sgarbi

Sgarbi: “Reggia di Caserta utilizzata per matrimoni o feste? In passato regge, ville e palazzi servivano proprio a questo”

Hanno suscitato polemiche le nozze da record festeggiate qualche giorno fa con un ricevimento alla Reggia di Caserta, la residenza reale più grande al mondo, dichiarata dall’Unesco patrimonio dell’umanità. La splendida reggia che Carlo di Borbone re di Napoli commissionò ...
Leggi Tutto

Pin It on Pinterest