Cancelleri si traveste da Grillo: “Musumeci è come Scajola”

Beppe Grillo spiazza tutti. Arriva davanti il Teatro Massimo di Palermo, ma per i giornalisti nessuno spazio. Una cordata di volontari lo “scherma” fisicamente da flash e riflettori. Lui, dal canto suo, continua a ripetere che quello del prossimo 5 novembre è un voto referendario “di fatto – ribadisce – vi troverete a scegliere tra passato e futuro“.

Chi si aspettava un comizio dovrà portare pazienza, quello è previsto per il prossimo 3 novembre, quando il fondatore del movimento chiuderà la campagna elettorale proprio dal capoluogo. È un attimo. E Grillo è già su un taxi, lontano da giornalisti e simpatizzanti. Resta Cancelleri, che prosegue la sua campagna elettorale, ma è schermato anche lui. Resta il tempo per un commento al confronto tra candidati che si è tenuto questo pomeriggio dal salotto di Lucia Annunziata. “Musumeci sugli impresentabili in corsa a suo sostegno mi è sembrato Scajola. Vi ricordate? Quello che aveva comprato casa a sua insaputa“.

Si chiude così il Palermoday penta stellato, partito questa mattina con Giampiero Trizzino e Luigi Di Maio dal porticciolo della Bandita a Palermo.

C’è il bambino che vuole salutare Di Maio, il panettiere che lo invita nel suo laboratorio, il pescivendolo che non nasconde gli occhi lucidi nell’avere l’opportunità di raccontare le sue fatiche quotidiane a chi dovrà guidare i cinque stelle alle politiche del 2018. Attorno a Luigi di Maio e al Movimento di Beppe Grillo c’è l’entusiasmo della gente, quella che non si appassiona più al dibattito tra destra e sinistra e che ammette che se non ci fosse stato Cancelleri non sarebbe andata a votare. Il porticciolo della Bandita si riempie in fretta, i pescatori hanno voglia di raccontare, di raccontarsi. Le fatiche di ogni giorno accanto ai problemi legati all’inquinamento. “Sono quarant’anni che voto – ammette un pescatore davanti alle telecamere – prima destra, poi sinistra. E non è mai cambiato niente. Oggi voglio dare una possibilità a loro. Nella speranza che loro ne diano una a noi e alla nostra terra”.

Il mini tour si sposta poi a Villa Giulia, dove Di Maio e Giampiero Trizzino, già presidente della quarta commissione all’Assemblea Regionale, designato assessore al Territorio in caso di vittoria, incontrano le giovani famiglie intente a correre dietro ai loro bambini in una mite domenica autunnale. Hanno un cicerone d’eccezione, in questa seconda tappa: è Aurelio Angelini, docente universitario, storico ambientalista palermitano e presidente della Fondazione Unesco in Sicilia, che non nega la simpatia verso i Cinque Stelle.

La tappa di villa Giulia è breve, poi si torna in strada, dove qualche mal di pancia serpeggia tra i passanti. “A ora di elezioni – commenta un passante che incrocia la strada di Di Maio – tutti qua in Sicilia sono”.

Cambia l’aria entrando invece all’Orto botanico, dove è in corso la mostra mercato Zagara d’autunno. Qui, tra una pianta di buganvillee, una di salvia e una lavanda, la borghesia palermitana è decisamente più tiepida rispetto al calore della costa sud della città. La gente si gira, riconosce perfettamente Luigi di Maio e il suo corteo, ma nella maggior parte dei casi si interessa più al prezzo delle piante che ai costi della politica da tagliare. Prima di immergersi tra il verde dell’Orto, però, è il momento di tornare indietro e pagare il biglietto d’ingresso, inizialmente dimenticato tra un saluto e una presentazione.

Lungo i viali che conducono alla vasca a forma di sole, un tempo il centro dell’Orto botanico, è un borbottio continuo. “Guarda, è quello che dovrebbe diventare il premier”. “Lui mi sembra in gamba – accenna una passante -, a me piace sto ragazzo”. Qualcuno riconosce Angelini, ma si guarda bene dall’esprimere la propria opinione de visu. Eppure appena il corteo al seguito di Di Maio si allontana, si sente sottovoce: “Ha detto peste e corna dei Cinque Stelle, ora è diventato Cinque Stelle”. “Guarda – dice un ragazzo, stringendo la mano della fidanzata – è Luigi Di Maio, il futuro premier, lo vuoi salutare?”.

“Ah, ma è Di Maio – commentano invece due ragazze sulla ventina, con un velo di delusione -. No, è che me lo aspettavo più alto”.

A fare da cicerone al gruppo, al fianco di Angelini, è Silvano Riggio, che snocciola la storia dell’Orto botanico davanti a un Di Maio affascinato, tra bambù e ficus secolari.

Il tempo stringe. E Palermo è grande. I collaboratori insistono perché Di Maio torni al pulmino, mentre Riggio continua a inanellare aneddoti su quel giardino delle meraviglie che conosce come le sue tasche.

C’è un programma elettorale di Cancelleri buttato a terra. Di Maio si ferma e lo raccoglie. L’orto botanico non si sporca. E una campagna elettorale si rischia di vincerla (anche) così. Non lasciando nulla al caso.

ELEZIONI SICILIA – BEPPE GRILLO A PALERMO PER SOSTENERE IL CANDIDATO GOVERNATORE CINQUESTELLE GIANCARLO CANCELLERI

Pubblicato da Il Gazzettino di Sicilia su Domenica 29 ottobre 2017

Giusi Diana

Public lecture con Giusi Diana: “Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design”, anteprima di I-design ai Cantieri culturali

Evento dedicato ad Atelier Biagetti, il duo milanese formato dall'artista Laura Baldassari e dal designer Alberto Biagetti. "Sesso, Denaro e Body Building. Atelier Biagetti tra arte e design" è il titolo della public lecture con Giusi Diana, critica e storica ...
Leggi Tutto
Minchia, installazione luminosa

L’arte della “minchia” in Manifesta non convince tutti. Chiesto al sindaco Orlando chi paga, quanto costa e in che modo venga promossa l’immagine di Palermo

Sabrina Figuccia: “Manifesta” sdogana la minc…”. Ma quanto pagano i palermitani per queste follie artistiche?  Arte o, al limite, semplice goliardia? Figuccia non ci sta e chiede conto e ragione a Leoluca Orlando, per avere associato la parola minchia a ...
Leggi Tutto
"Alla deriva", di Duccio Facchini

“Alla deriva. I migranti, le rotte del Mar Mediterraneo, le Ong”. Camera dei Deputati, presentazione del libro di Duccio Facchini

Mercoledì 19 settembre 2018 alle ore 16 presso la sala conferenza stampa della Camera dei Deputati, presentazione del libro "Alla deriva. I migranti, le rotte del Mar Mediterraneo, le Ong: il naufragio della politica, che nega i diritti per fabbricare ...
Leggi Tutto
Viviana&Serena, "Volevo un gatto nero"

Volevo un gatto nero, ovvero i patti si rispettano…

Può una canzone dello Zecchino d'Oro trasformarsi in una operetta bonsai? Può l'accorato appello di una bambina a rispettare i patti diventare un'operina alla Roberto De Simone? La storia dei nostri giorni ha per protagoniste Viviana&Serena, duo intrigante che interpreta ...
Leggi Tutto