Berlusconi scarica Musumeci: ecco la prova video

Il messaggio arriva chiaro e forte: Berlusconi pensa più a Forza Italia che al destino di Musumeci. Nel suo appello ai siciliani non cita mai il candidato presidente, neanche un riferimento velato a conferma che quello con il leader della destra catanese può definirsi un matrimonio d’interesse.

Forza Italia, che in Sicilia ha conosciuto stagioni di grande splendore ma da tempo ha visto il suo consenso dimezzato, ritiene Musumeci la strada più celere per ritornare al potere, ma niente di più. Amore mai, né a livello nazionale, né sul piano locale. Anche perché Musumeci non ha dimenticato che la candidatura di Miccichè, 5 anni fa, determinò la sua sconfitta contro Crocetta.

Silvio Berlusconi non ha mai nascosto di preferire Gaetano Armao all’attuale candidato alla presidenza della sua coalizione. Ha fiutato il rischio di un altro caso Lombardo, il governatore che, dopo la vittoria, ha scaricato Forza Italia assieme al resto dei partiti collegati. La mancanza di alternative lo ha indotto a sopportare, ma qualche sgarbo l’ha piazzato, senza clamore, all’insegna del chi vuole capire capisca. Prima ha annullato la sua presenza a Catania, proprio a casa di Musumeci, poi ha usato le parole per recapitare il più velenoso dei messaggi.

Dal suo studio, nella scenografia delle grandi occasioni, ha voluto parlare direttamente con i siciliani. La scrivania è quella delle grandi occasioni, il simbolo della prima discesa in campo, del messaggio alla nazione, dell’appello alle forze moderate.

Mai un accenno a Nello Musumeci in un discorso di quasi 3 minuti. Silvio Berlusconi si è limitato a lanciare qualche frecciata alla compagnia di Beppe Grillo, più che alla sinistra, evidentemente ritenuta meno insidiosa. Musumeci è come se non fosse mai esistito. Cosa che non è passata inosservata nel quartier generale di Catania. Perché se la rinuncia a farsi vedere nel capoluogo etneo nei giorni finali della campagna elettorale  poteva essere una coincidenza dettata anche dalle condizioni di salute del cavaliere, questa seconda e inequivocabile prova è il segnale di una verità che in molti sussurrano nei corridoi: l’unico che pensa a Palazzo D’Orleans, come una vera e propria ossessione è solo e soltanto Nello Musumeci.

 

Arafet, cittadino italiano di origine tunisina morto ad Empoli

Arafet. Usb su morte del trentenne di origine tunisina durante un controllo di Polizia a Empoli

Arafet Arfaoui è morto d’infarto dopo essere stato fermato dalla Polizia, intervenuta in seguito all’alterco per un biglietto da 20 euro ritenuto falso con il proprietario di un money transfer, dove si era recato per inviare dei soldi alla sua ...
Leggi Tutto
Muos Niscemi

Cangemi, PCI: la lotta contro il MUOS continua

CGA dice sì al Muos. Dichiarazione di Luca Cangemi, segreteria nazionale del Partito Comunista Italiano La sentenza del Consiglio di Giustizia Amministrativa, che conferma l’autorizzazione a installare nel territorio di Niscemi la macchina di guerra e devastazione ambientale chiamata MUOS, non ...
Leggi Tutto
Parlami di musica...e non andare via, di Valentina Frinchi

Nuova edizione del libro “Parlami di musica…e non andare via”, dal Rock progressive al Jazz di Valentina Frinchi

È palermitana, classe '71, Valentina Frinchi, la "Signora degli eventi" che nel 2016 ha pubblicato il suo primo lavoro come scrittrice con la passione per la musica nel Dna. "Parlami di musica... e non andare via" - dal Rock progressive ...
Leggi Tutto
Fabio Citrano suca a Salvini

Fabio Citrano e il suca a Matteo Salvini, il fascicolo al consiglio di disciplina dell’Ordine dei giornalisti

Caso Citrano-Salvini al consiglio di disciplina, l'Odg Sicilia: maggiore continenza sui social Il Consiglio dell'Ordine dei giornalisti di Sicilia, riunito oggi a Palermo, ha deliberato l'invio al Consiglio di disciplina territoriale del fascicolo relativo al caso del collega Fabio Citrano ...
Leggi Tutto